Mobilità

Tutta la rete europea di Vodafone 100% green

Dal primo luglio sarà totalmente alimentata da fonti rinnovabili. In Italia era già così da novembre 2020
1 minuti di lettura

 

L'obiettivo di Vodafone di azzerare le emissioni proprie di gas a effetto serra entro il 2030 e quelle di tutta la sua catena del valore entro il 2040 si avvicina di un passo: dal primo luglio, infatti, l'azienda ha annunciato che il 100% delle sua rete europea sarà alimentato da fonti rinnovabili come vento, acqua o sole. In Italia questo traguardo era già stato raggiunto a novembre 2020, e il nostro paese è all'avanguardia anche sulla svolta green dell'operatore tlc inglese: da noi, infatti, azzererà le emissioni proprie di gas a effetto serra nel 2025. 

Tra le altre iniziative messe in campo, Vodafone si è impegnata a riutilizzare, rivendere o riciclare il 100% delle apparecchiature di rete non più in uso entro il 2025.

La società ha avviato programmi di gestione dell'efficienza delle risorse e dello smaltimento dei rifiuti in ogni mercato per ridurre al minimo l'impatto ambientale dei rifiuti di rete e delle apparecchiature IT in esubero. Il 98,7% dei rifiuti di rete di Vodafone, esclusi i rifiuti pericolosi, è stato indirizzato al riutilizzo e al riciclo durante l'anno fiscale 2021, con una riduzione complessiva del 22,5% dei rifiuti di rete, che sono passati a 6.307 tonnellate dalle 8.138 tonnellate del 2020.

Nel 2020 Vodafone ha anche lanciato una piattaforma di scambio interna che incoraggia a rivendere e riutilizzare le scorte in eccesso o i grandi elementi passivi dismessi, come tralicci e antenne. Si stima che la piattaforma abbia permesso di risparmiare oltre 1.250 tonnellate di CO2 equivalente, con un risparmio di oltre 10 milioni di euro.