Biodiversità

Che caldo fa e lo stambecco va più in alto che può

Il cambio climatico modifica i comportamenti degli ungulati della Marmolada, che si spostano sempre di più di notte, con il fresco. La ricerca innovativa dell'Università di Padova e della Fondazione Edmund Mach, che per la prima volta hanno raccolto dati non soltanto sugli spostamenti ma anche sulle attività degli animali in aree inaccessibili in inverno
4 minuti di lettura

Gli stambecchi della Marmolada si adeguano al cambio climatico e così stanno modificando le loro abitudini di pascolamento e di cura della prole in conseguenza delle temperature più calde. Tuttavia, secondo i ricercatori del Dipartimento di Agronomia, Animali, Alimenti, Risorse naturali e Ambiente dell'Università di Padova (Dafnae) e il Dipartimento Biodiversità e Ecologia molecolare del Centro Ricerca e Innovazione della Fondazione Edmund Mach che hanno osservato questi mutamenti, il loro adattamento potrebbe non essere sufficiente di fronte al futuro incremento dello stress termico.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori