La farfalla monarca rischia di sparire, ce ne sono appena un migliaio

Come sempre hanno raggiunto il Messico per svernare ma quest’anno sono il 26 per cento di meno. Trovano l’ambiente devastato e non sanno dove rifugiarsi
1 minuti di lettura

La farfalla monarca è in crisi. Le abbiamo distrutto il suo habitat naturale. Pesticidi, boschi tagliati, terreni inquinati. E poi le siccità, le improvvise gelate dovute al cambiamento climatico. Si sono ridotte del 26%. E' un calo del tutto anomalo, preoccupante. Perché questo insetto dalle ali gialle e nere non è solo una specie rara e in estinzione ma svolge un ruolo importante: grazie alle sue migrazioni certifica lo stato di salute della Terra. Indica di quanto cresce l'inquinamento e le malattie che lo aggrediscono. Sono come dei sensori volanti.

Tra gli ambientalisti e gli entomologi c'è allarme. Anche quest'anno, come sempre, hanno raggiunto lo Stato di Vera Cruz in Messico per svernare. In estate vivono in California e spesso anche più a nord, vicino al Canada. Poi quando arriva la stagione fredda scendono a sud e si installano tra i boschi di pini e abeti che irradiano di colori.


Contarle non è facile. Ma grazie alla loro presenza concentrata sugli alberi si fanno delle stime. Secondo i dati del governo la popolazione delle monarca nel 2020 copriva 2,1 ettari, che erano 2,8 nel 2019 e 6,05 nel 2018.

Gloria Tavera, direttrice regionale messicana delle Aree Protette, spiega all'Ap che il calo è dovuto "alle condizioni climatiche estreme" che per vari motivi hanno alterato il ciclo delle stagioni e quindi della temperatura. Ma è soprattutto l'azione distruttiva dell'uomo che ha disboscato e cancellato anche l'euforbia, un'altra pianta tra le 200 specie diverse amate dalle farfalle, a rendere impossibile la vita a questi invertebrati.

Fino a qualche anno fa le colline di Santa Cruz erano punteggiate di grandi eucalipti, con i rami che pendevano fino a terra sotto il peso dei grappoli con le bacche nere e rosse. Migliaia di farfalle monarca trovavano una comoda sistemazione procedendo a impollinare piante e fiori. Negli anni 80 del secolo scorso se ne contavano tra 10 e 4,5 milioni in California. L'ultima stima, nel 2018, parla di 30 mila esemplari. Un calo dell'87%. Adesso siamo sull'ordine di un migliaio. Fra un po', continuando di questo passo, scomparirà.

"Salviamo le farfalle con la citizen science"