Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Stadio nel degrado tagliati i finanziamenti stop ai lavori previsti

Difficoltà nel reperimento dei fondi per la gradinata ospiti Non sarà rifatta la copertura rimossa dalla tribuna centrale 

CHIOGGIA

Passano le amministrazioni ma lo stadio “Aldo e Dino Ballarin” continua a rimanere l’ultimo dei pensieri. Una struttura che ormai versa nel degrado più assoluto, fatiscente e non più in grado di rispondere alle moderne esigenze delle attività sportive. L’unica nota positiva è rappresentata dal terreno di gioco, considerato uno dei migliori del girone, il resto è un pianto greco.

Le amministrazioni, che si sono succedute in questi anni, continuano a promettere lavori di ristrutturazio ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

CHIOGGIA

Passano le amministrazioni ma lo stadio “Aldo e Dino Ballarin” continua a rimanere l’ultimo dei pensieri. Una struttura che ormai versa nel degrado più assoluto, fatiscente e non più in grado di rispondere alle moderne esigenze delle attività sportive. L’unica nota positiva è rappresentata dal terreno di gioco, considerato uno dei migliori del girone, il resto è un pianto greco.

Le amministrazioni, che si sono succedute in questi anni, continuano a promettere lavori di ristrutturazione che puntualmente non partono mai, lasciando la struttura nel più completo abbandono. Poco più di un anno fa sembrava ormai imminente la sistemazione della curva nord, la gradinata destinata ai tifosi ospiti, grazie a dei fondi garantiti da un finanziamento regionali ai quali doveva aggiungersi una quota anche dalle casse comunali. Centottanta mila euro il costo dell’operazione, dei quali centomila stanziati dalla Regione ed altri ottanta dal Comune, per quello che era stato definito come il primo lotto degli interventi di riqualificazione dello stadio “Ballarin”. Ebbene, a più di un anno di distanza, di lavori nemmeno l’ombra, ma anche nel reperimento dei fondi pare vi sia più di qualche difficoltà. «Abbiamo avuto 100 mila euro dalla Regione», ha spiegato l’assessora allo sport Isabella Penzo durante la presentazione della Clodiense, «mentre gli altri ottantamila dovremo riuscire a ricavarli tra i numeri del bilancio di fine anno, visto che lo scorso anno sono stati dirottati verso necessità più importanti. Tuttavia siamo fiduciosi che i lavori possano partire nei primi mesi del 2019». Altro problema riguarda la tribuna centrale la cui copertura è stata rimossa, durante l’assessorato Girotto, ormai otto anni fa e mai più riposizionata, dando un’immagine della città, soprattutto per chi arriva da fuori, non certo qualificante e su questo punto purtroppo le notizie non sono rassicuranti. «Abbiamo chiesto un finanziamento», precisa la Penzo, «di cinquantamila euro dalla Regione che però ci è stato negato». Tradotto: signori non c’è un euro e lo stadio può attendere. —