Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Vinta la battaglia per la prima elementare garantite due classi

FOSSALTA DI PIAVETagli alla scuola elementare, la soluzione è stata trovata. Non ci sarà alcun trasferimento nel comune di Meolo per gli alunni della prima elementare di Fossalta che rischiava di non...

FOSSALTA DI PIAVE

Tagli alla scuola elementare, la soluzione è stata trovata. Non ci sarà alcun trasferimento nel comune di Meolo per gli alunni della prima elementare di Fossalta che rischiava di non iniziare l’anno scolastico il prossimo 12 settembre.

Verranno garantite due classi, una di 14 e una di 15 alunni, con il trasferimento di un altro bambino, per poter evitare che gli 8 studenti, insufficienti per formare una nuova classe a Fossalta, fossero portati in blocco nella scuola elementa ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

FOSSALTA DI PIAVE

Tagli alla scuola elementare, la soluzione è stata trovata. Non ci sarà alcun trasferimento nel comune di Meolo per gli alunni della prima elementare di Fossalta che rischiava di non iniziare l’anno scolastico il prossimo 12 settembre.

Verranno garantite due classi, una di 14 e una di 15 alunni, con il trasferimento di un altro bambino, per poter evitare che gli 8 studenti, insufficienti per formare una nuova classe a Fossalta, fossero portati in blocco nella scuola elementare di Meolo. Una battaglia che ha coinvolto tutta la comunità cittadina. Nelle scorse settimane si sono mobilitate le famiglie e anche i docenti della scuola e dopo una riunione appassionata tra famiglie e direzione didattica, è stata maturata una decisione frutto di varie mediazioni. La strada da seguire sarà dunque un ricomposizione delle due classi in modo tale che possano partire entrambe nella cittadina di origine. «Siamo soddisfatti di questa decisione», ha detto il consigliere comunale dell’opposizione, Giannino Fasan, da subito schierato con i genitori e pronto a sostenere ogni forma di mobilitazione, «perché equilibrata e nell’interesse di tutti. Le famiglie non volevano perdere le proprie origini e riferimenti, la comunità non può perdere i suoi giovani e impoverirsi in questo modo. Per questo ci abbiamo creduto e abbiamo combattuto». Fasan ha lavorato di concerto con papà e mamme di Fossalta in queste settimane, consapevole del fatto che solo questa mobilitazione generale e sentita avrebbe sortito degli effetti concreti nelle decisioni finali. Ecco perché le famiglie di Fossalta si preparano a festeggiare tutte assieme quella che hanno percepito come un vittoria di tutta la comunità in difesa dell’identità locale come protezione delle nuove generazioni. La battaglia è stata seguita da vicino anche dall’ex senatore, ed ex sindaco di Fossalta di Piave, Luciano Falcier: “Ringrazio le famiglie e i docenti per l’impegno, ma anche la direzione didattica e il Comune». —

Giovanni Cagnassi

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI