Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Il dodicenne investito resta stazionario

ZIANIGOResta stazionario il ragazzino di 12 anni di Zianigo rimasto coinvolto nel brutto incidente di lunedì di lunedì mattina in via Scortegara a Mirano, mentre stava cercando di attraversare la...

ZIANIGO

Resta stazionario il ragazzino di 12 anni di Zianigo rimasto coinvolto nel brutto incidente di lunedì di lunedì mattina in via Scortegara a Mirano, mentre stava cercando di attraversare la strada con la sua bicicletta.

La famiglia e i medici sperano che si possa riprendere; il fatto di non registrare dei peggioramenti potrebbe indurre a un cauto ottimismo ma servirà ancora del tempo per capire se riuscirà a cavarsela e si potranno essere eventuali strascichi.

Di certo, c’è apprensione ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

ZIANIGO

Resta stazionario il ragazzino di 12 anni di Zianigo rimasto coinvolto nel brutto incidente di lunedì di lunedì mattina in via Scortegara a Mirano, mentre stava cercando di attraversare la strada con la sua bicicletta.

La famiglia e i medici sperano che si possa riprendere; il fatto di non registrare dei peggioramenti potrebbe indurre a un cauto ottimismo ma servirà ancora del tempo per capire se riuscirà a cavarsela e si potranno essere eventuali strascichi.

Di certo, c’è apprensione in tutta Zianigo e non solo, mentre la sindaca Maria Rosa Pavanello è in contatto anche con gli altri genitori per capire l’evolversi della situazione. Il tam tam tra le famiglie è stato fitto sin dai primi momenti per cercare di capire come stesse il giovane, che ha sbattuto la testa contro il muretto di una casa. L’adolescente resta ricoverato all’ospedale di Padova, dove è stato subito trasportato in elicottero dopo essere stato urtato da un furgone che si era appena mosso dopo essere scattato il verde nel semaforo a chiamata posizionato a metà di via Scorteraga.

Una strada dove negli ultimi sei anni ci sono stati due incidenti mortali, mentre la sindaca ha intenzione di sensibilizzare i ragazzi, attraverso le scuole, all’uso del caschetto protettivo anche quando si è in bicicletta. Anche se l’impatto dell’altro giorno non è stato provocato dalla forte velocità, il colpo alla nuca subito dal dodicenne è stato violento. —

Alessandro Ragazzo