Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

«Una persona malata per me possono anche buttare via la chiave»

il cognato«Non è mio parente, quando mi hanno detto quello che ha fatto sono rimasto sconvolto, bisogna rinchiuderlo e gettare la chiave». È duro e choccato Mamadou, da tutti conosciuto in via Don...

il cognato

«Non è mio parente, quando mi hanno detto quello che ha fatto sono rimasto sconvolto, bisogna rinchiuderlo e gettare la chiave». È duro e choccato Mamadou, da tutti conosciuto in via Don Bosco a Marcon dove ha cresciuto i quattro figli e dove vive da anni. Mamadou è sposato alla sorella di Mohamed Gueye, che a casa sua ha abitato diversi anni prima di sparire, dal 2010 al 2015.

Una vicendadi cui lui vuole sapere il meno possibile. Prende le distanze dal cognato, ripete di non essere ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

il cognato

«Non è mio parente, quando mi hanno detto quello che ha fatto sono rimasto sconvolto, bisogna rinchiuderlo e gettare la chiave». È duro e choccato Mamadou, da tutti conosciuto in via Don Bosco a Marcon dove ha cresciuto i quattro figli e dove vive da anni. Mamadou è sposato alla sorella di Mohamed Gueye, che a casa sua ha abitato diversi anni prima di sparire, dal 2010 al 2015.

Una vicendadi cui lui vuole sapere il meno possibile. Prende le distanze dal cognato, ripete di non essere suo parente e di non avere più nulla a che fare con lui da un pezzo. Mamadou lavora come cuoco all’hotel Bologna, di fronte alla stazione di Mestre, è amato e stimato da tutti i colleghi. Ieri alle 18 puntuale ha preso servizio. Poche parole, le sue, ma che non lasciano spazio a fraintendimenti. Gueye non lo vuole nominare né chiamare con il suo nome. «Quella persona» lo apostrofa, «non abita più a casa mia, ho avuto dei problemi con lui e l’ho denunciato. Non esiste più».

Eppure in tanti sostengono fosse gentile ed educato in paese. «Un bravo ragazzo?», ripete. «Lo dite voi, ma di certo non io». Alla domanda se davvero Mohamed possa ave stuprato una donna risponde secco, scuotendo la testa: «Non lo so, è malato. Bisognerebbe rinchiuderlo e gettare la chiave». Della compagna non sa molto, tranne che stando alle voci, i due ragazzi si erano sposati. Anche Mamadou protegge la privacy della ragazza, come stanno facendo tutti quelli che la conoscono. —

M.A.