Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Sos dalla sezione Avis donazioni in calo del 7%

PORTOGRUAROLe cifre sono molto negative e dovrebbero far riflettere anche coloro che a livello politico e amministrativo si occupano di sanità. Rispetto al medesimo periodo dell'anno scorso le...

PORTOGRUARO

Le cifre sono molto negative e dovrebbero far riflettere anche coloro che a livello politico e amministrativo si occupano di sanità. Rispetto al medesimo periodo dell'anno scorso le donazioni di sangue nel Portogruarese sono crollate del 7%.

Ci si augura che da qui alle prossime settimane non si verifichi una grave emergenza. La cifra è stata fornita dal presidente dell'Avis cittadina, Rino Ferlauto.

«Purtroppo siamo in continua diminuzione» ha detto «tuttavia resto fiducioso perch ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

PORTOGRUARO

Le cifre sono molto negative e dovrebbero far riflettere anche coloro che a livello politico e amministrativo si occupano di sanità. Rispetto al medesimo periodo dell'anno scorso le donazioni di sangue nel Portogruarese sono crollate del 7%.

Ci si augura che da qui alle prossime settimane non si verifichi una grave emergenza. La cifra è stata fornita dal presidente dell'Avis cittadina, Rino Ferlauto.

«Purtroppo siamo in continua diminuzione» ha detto «tuttavia resto fiducioso perchè abbiamo intrapreso delle azioni divulgative sull'importanza della donazione che, secondo noi, porteranno dei benefici».

Il periodo estivo è quello più difficile per la cronica carenza di sangue. Molti italiani (tra i quali donatori) partono per le ferie e le scorte diminuiscono drasticamente. Tuttavia in seno all'Avis portogruarese pochi si sarebbero aspettati un -7% rispetto al 2017. Si sta facendo il possibile per riportare in alto l'asticella. Gli organizzatori di molte marce non agonistiche, tra cui quella di Cinto Caomaggiore, da tempo collaborano coi donatori avisini. Le generazioni più giovani sono esposte al rischio di non voler più donare. «Cerchiamo di avvicinarci ai ragazzi» continua Ferlauto «abbiamo intrapreso una campagna informativa attraverso i social che ci permette di condividere molte informazioni e di interagire proprio con gli adolescenti. Anche nei prossimi mesi organizzeremo dibattiti e momenti di riflessione con gli studenti. In questo quadro così negativo intravvedo spiragli di ottimismo». A Portogruaro e nel territorio gli avisini non demordono e continueranno a donare. —

Rosario Padovano

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI