Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

«Accanto alla famiglia anche per il processo»

santa maria di sala«Strette attorno alla famiglia di Maila Beccarello, come siamo vicine a tante altre che hanno subìto violenze devastanti. Staremo loro accanto anche durante il processo, l'attenzion...

santa maria di sala

«Strette attorno alla famiglia di Maila Beccarello, come siamo vicine a tante altre che hanno subìto violenze devastanti. Staremo loro accanto anche durante il processo, l'attenzione deve rimanere alta».,

Così ieri mattina l'attivista miranese Annalisa Zangrando durante il funerale della povera donna di Santa Maria di Sala massacrata di botte dal marito. Zangrando è stata tra le fondatrici nel 2010 del gruppo “Dalla parte delle donne”, forte nel Miranese ma che ha animato i ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

santa maria di sala

«Strette attorno alla famiglia di Maila Beccarello, come siamo vicine a tante altre che hanno subìto violenze devastanti. Staremo loro accanto anche durante il processo, l'attenzione deve rimanere alta».,

Così ieri mattina l'attivista miranese Annalisa Zangrando durante il funerale della povera donna di Santa Maria di Sala massacrata di botte dal marito. Zangrando è stata tra le fondatrici nel 2010 del gruppo “Dalla parte delle donne”, forte nel Miranese ma che ha animato iniziative a carattere nazionale. Come quella di aver denunciato Abid Jee, mediatore culturale venuto alla ribalta per aver detto che “Lo stupro è peggio solo all'inizio”, o per essere state presenti alla prima udienza del processo contro Butungu, autore con tre minorenni degli efferati stupri di Rimini, per stare accanto anche fisicamente alle vittime.

«Ci sentiamo anche tutte le settimane con la mamma di Pamela, la ragazza fatta a pezzi e messa in una valigia. Siamo convinte che una grande solidarietà alle famiglie le aiuti in qualche modo a sopportare il dolore e che una continua attenzione sul caso eviti che, passata la prima ondata di attenzione emotiva, vada in qualche maniera in dimenticatoio. Sarà così anche per Maila». —

L.Za.