Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Ragazzo solare e positivo amava i viaggi e i motori

SANTA MARIA DI SALAAveva appena da poco compiuto 26 anni Christian Salmaso. Abitava, in via Monte Hermada. Un ragazzo solare, pieno di passioni. Fin da piccolo amava la tecnologia e i videogiochi....

SANTA MARIA DI SALA

Aveva appena da poco compiuto 26 anni Christian Salmaso. Abitava, in via Monte Hermada. Un ragazzo solare, pieno di passioni. Fin da piccolo amava la tecnologia e i videogiochi. Era riuscito a fare della sua passione un lavoro, lavorava infatti come tecnico informatico per un’azienda trevigiana. Amava però anche muoversi, fare attività fisica e viaggiare. Gli piacevano i motori, seguiva le gare di Formula1, con un occhio di riguardo per la Ferrari.

La sua grande passione e ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

SANTA MARIA DI SALA

Aveva appena da poco compiuto 26 anni Christian Salmaso. Abitava, in via Monte Hermada. Un ragazzo solare, pieno di passioni. Fin da piccolo amava la tecnologia e i videogiochi. Era riuscito a fare della sua passione un lavoro, lavorava infatti come tecnico informatico per un’azienda trevigiana. Amava però anche muoversi, fare attività fisica e viaggiare. Gli piacevano i motori, seguiva le gare di Formula1, con un occhio di riguardo per la Ferrari.

La sua grande passione erano però le due ruote, tifava Valentino Rossi, uno dei suoi idoli. Aveva comprato una Honda Cbr 600 con cui si muoveva per le strade della provincia. Muoversi, viaggiare: Christian non stava mai fermo un attimo. Ma non si spostava solo con le due ruote. Uno dei suoi migliori amici si era trasferito a Preston per lavoro, e più di una volta Christian aveva preso l’aereo per andare a trovarlo e passare con lui qualche giorno nella piccola città inglese. Era un ragazzo positivo, sorridente. Amava anche rilassarsi ogni tanto, gli piaceva guardare le gare di scii alla televisione e tutti gli sport invernali, ma appena poteva se ne scappava tra le montagne, sulle Dolomiti, per scendere giù con gli scii tra le cime innevate. Chi lo conosceva bene non ha nessuna voglia di parlare, il dolore è troppo forte. Qualche parola la dicono i conoscenti, che lo ricordano come un ragazzo gentile, a modo, sempre disponibile e pronto ad aiutare gli altri. —

Matteo Riberto

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI