Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Finiscono con l’auto nel canale miracolati i cinque passeggeri

Sono rimasti tutti illesi i giovani di Camponogara che erano a bordo di un’Audi L’incidente alle 2,30 di notte a Ca’ Lino. La vettura si è capovolta nella caduta 

CHIOGGIA

Una curva ad esse presa, forse, a velocità sostenuta, la poca dimestichezza con la stradina che dalla frazione di Ca’ Lino porta in Romea, il buio della notte e quindi il tuffo con l’auto direttamente nel canale. La disavventura notturna, con bagno fuori programma, è capitata a cinque ragazzi di Camponogara che, a dire il vero, devono baciare più volte la dea bendata o mettere due ceri a Sant’Antonio se sono usciti incolumi da un incidente d’auto, a dir poco, rocambolesco. Mancano p ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

CHIOGGIA

Una curva ad esse presa, forse, a velocità sostenuta, la poca dimestichezza con la stradina che dalla frazione di Ca’ Lino porta in Romea, il buio della notte e quindi il tuffo con l’auto direttamente nel canale. La disavventura notturna, con bagno fuori programma, è capitata a cinque ragazzi di Camponogara che, a dire il vero, devono baciare più volte la dea bendata o mettere due ceri a Sant’Antonio se sono usciti incolumi da un incidente d’auto, a dir poco, rocambolesco. Mancano pochi minuti alle due e trenta del mattino, nella notte tra venerdì e sabato, quando un gruppo di amici, di ritorno probabilmente da una serata trascorsa a Isola Verde, imboccano, con la loro potente Audi nera, strada Margherita, anziché la più logica e meno pericolosa via San Giuseppe, per ritornare in Romea. Il tratto di strada è molto stretto e altrettanto buio, pieno di curve e costeggia un canale, buono, avranno pensato, per una prova di rally. Solo che, ad un certo punto, nei pressi delle chiuse dell’idrovora, dopo una curva a gomito c’è da affrontare, con le dovute cautele, un’altra curva ad esse, quasi una sorta di chicane, per rimanere in tema di velocità.

Ma i ragazzi, evidentemente, non conoscono molto bene la strada e così si ritrovano di fronte ad un vecchio muretto che delimita proprio il ponte dell’idrovora. Non c’è lo spazio ed il tempo per una frenata, se la si affronta ad una certa velocità, così l’auto sfonda il muro e dopo un volo di alcuni metri finisce capovolta dentro il canale. Fortuna vuole che in quel posto l’acqua non sia particolarmente alta, al massimo può arrivare ad un metro e venti, ma la carambola ed il rovesciamento dell’auto avrebbero potuto causare guai ben più seri. Nessuno, infatti, fortunatamente sbatte la testa o rimane incastrato, quindi in tre riescono ad uscire dall’abitacolo senza problemi, mentre altri due fanno un po’ di fatica, ma alla fine escono ugualmente incolumi. Sul posto, appena scattato l’allarme sono arrivati i carabinieri, i sanitari del 118 ed i vigili del fuoco. Visto il buio totale della zona e la necessità di mettere in sicurezza il muretto, l’Audi è stata recuperata dai pompieri ieri mattina. Ma durante il recupero dell’auto c’è stata pure l’aggressione, da parte di alcuni parenti dei ragazzi coinvolti nell’incidente, verso due operatori del blog Chioggia Azzurra che stavano riprendendo la scena. Uno dei due è stato strattonato e tirato fuori di forza dall’abitacolo della macchina da dove stava effettuando le riprese, riportando tutta una serie di ecchimosi, guaribili in otto giorni, che hanno richiesto le cure del pronto soccorso. Danneggiato anche un telefonino, anche se poi per fortuna è tornata la calma, mentre i responsabili dell’aggressione sono stati denunciati. —