Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Scuole, ci sono 4,6 milioni ma non si possono usare

LA POLEMICA«Sono amareggiata per la mancata erogazione dei finanziamenti per un valore di 4, 6 milioni di euro per la manutenzione antisismica delle scuole dell’area metropolitana di Venezia. Fondi...

LA POLEMICA

«Sono amareggiata per la mancata erogazione dei finanziamenti per un valore di 4, 6 milioni di euro per la manutenzione antisismica delle scuole dell’area metropolitana di Venezia. Fondi stanziati dal governo Gentiloni, ma bloccati dal Miur per una sentenza della Corte Costituzionale a seguito di un contenzioso sollevato proprio dalla Regione Veneto». Così l’onorevole Sara Moretto, capogruppo Pd in X Commissione alla Camera. «La sicurezza dei nostri ragazzi, insegnanti e operatori ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

LA POLEMICA

«Sono amareggiata per la mancata erogazione dei finanziamenti per un valore di 4, 6 milioni di euro per la manutenzione antisismica delle scuole dell’area metropolitana di Venezia. Fondi stanziati dal governo Gentiloni, ma bloccati dal Miur per una sentenza della Corte Costituzionale a seguito di un contenzioso sollevato proprio dalla Regione Veneto». Così l’onorevole Sara Moretto, capogruppo Pd in X Commissione alla Camera. «La sicurezza dei nostri ragazzi, insegnanti e operatori della scuola è sempre stata e deve continuare a essere una assoluta priorità», ribadisce Moretto, «per cui confido che la situazione possa trovare un epilogo prima possibile in modo da consentire ai Comuni di procedere con gli interventi». In attesa del finanziamento sono i Comuni di Dolo, Noale, Spinea, Ceggia, Fossalta di Piave, Portogruaro, Musile di Piave, Concordia Sagittaria, Chioggia e Fossò, per un totale di 4, 6 milioni di euro per interventi di adeguamento e miglioramento sismico o di manutenzione straordinaria e strutturale delle scuole.

«Mai in passato erano stati stanziati fondi così cospicui per la manutenzione delle nostre scuole», ricorda la deputata, «ed è inaccettabile che un tale sforzo rischi di essere vanificato. Auspico che il Governo prenda l’iniziativa e si assuma le proprie responsabilità. Intanto, molti Comuni stanno comunque procedendo con i lavori, pur nell’incertezza del finanziamento, perché sono consapevoli che ci sono priorità su cui non è possibile derogare». –

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI