Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Punta il fucile al tabaccaio mascherato da Anonymous a San Donà di Piave

Il rapinatore è scappato in auto dove lo attendeva il “palo” con l’incasso di mille euro ma i carabinieri sono riusciti a rintracciarli poche ore dopo 

SAN DONÀ. È entrato con una doppietta da caccia puntata contro i titolari, rapina alla tabaccheria “Geria Brussolo” di via Orcalli, periferia di San Donà, lunedì alle 18.40. Il rapinatore, arrivato in auto con un “palo” che lo ha atteso all’esterno, ha fatto irruzione con il fucile da caccia, indossando un’inquietante maschera con cappuccio in stile “Anonymous”. I proprietari della tabaccheria se lo sono trovati di fronte all’improvviso e non hanno avuto quasi il tempo di reagire tanto è sta ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

SAN DONÀ. È entrato con una doppietta da caccia puntata contro i titolari, rapina alla tabaccheria “Geria Brussolo” di via Orcalli, periferia di San Donà, lunedì alle 18.40. Il rapinatore, arrivato in auto con un “palo” che lo ha atteso all’esterno, ha fatto irruzione con il fucile da caccia, indossando un’inquietante maschera con cappuccio in stile “Anonymous”. I proprietari della tabaccheria se lo sono trovati di fronte all’improvviso e non hanno avuto quasi il tempo di reagire tanto è stato lo spavento davanti a quella figura terrorizzante, con tanto di fucile puntato.

Il rapinatore mascherato ha chiesto ai titolari di consegnare l’intero incasso, circa mille euro, e poi si è girato sui tacchi per uscire fuori di corsa e raggiungere il complice che lo attendeva in auto pronto per scappare e dileguarsi come avviene solitamente in questi casi. Una breve fuga, perché i titolari dell’esercizio hanno chiamato i carabinieri al 112 i quali hanno iniziato l’inseguimento e sono stati abili, poco più tardi, nel risalire ai due rapinatori.

I militari dell’Arma hanno avviato le indagini a tutto campo, visionato le telecamere di sorveglianza e rintracciato il mezzo con il quale sono fuggiti. In questo modo sono riusciti in poche ore a individuare con certezza i rapinatori che, una volta scovati, sono stati sottoposti a fermo, trascorsa la flagranza del reato, in attesa dalla convalida che arriverà oggi. Un ottimo lavoro della compagnia carabinieri di San Donà che ha assicurato alla giustizia i due rapinatori sui quali sono in corso altri accertamenti.

La rapina ha subito fatto il giro tra i colleghi di altre tabaccherie della zona, anche perché è stata particolarmente impressionante con fucile spianato, ovvero con un metodo piuttosto raro. La Fit, federazione italiana tabaccai di Mestre, ha subito fatto quadrato e diramato una comunicazione rivolta a tutti gli iscritti nella provincia, per sensibilizzarli e metterli in guardia contro le rapine e altri reati, suggerendo massima attenzione e prudenza di fronte a questi crimini. —