Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Operativa dall’1 agosto la convenzione con l’Asl per le case di riposo

MIRA. Buone notizie per le famiglie della Riviera del Brenta: dal primo di agosto cioè da mercoledì prossimo infatti sarà attiva la convenzione con l’Asl 3 per ospitare anziani alla residenza “Adele...

MIRA. Buone notizie per le famiglie della Riviera del Brenta: dal primo di agosto cioè da mercoledì prossimo infatti sarà attiva la convenzione con l’Asl 3 per ospitare anziani alla residenza “Adele Zara”.

Le famiglie di Mira e del resto del comprensorio così potranno pagare circa un 30 % in meno della retta giornaliera che così arriverà a superare poco più che i 50 euro.

La convenzione con l’Asl è stata approvata attraverso un accordo contrattuale con la Cooperativa Sociale Socio-Culturale ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

MIRA. Buone notizie per le famiglie della Riviera del Brenta: dal primo di agosto cioè da mercoledì prossimo infatti sarà attiva la convenzione con l’Asl 3 per ospitare anziani alla residenza “Adele Zara”.

Le famiglie di Mira e del resto del comprensorio così potranno pagare circa un 30 % in meno della retta giornaliera che così arriverà a superare poco più che i 50 euro.

La convenzione con l’Asl è stata approvata attraverso un accordo contrattuale con la Cooperativa Sociale Socio-Culturale che gestisce la struttura in via Boldani di Mira Porte.

Quindici giorni fa, dopo l’accreditamento dei posti letto tanto atteso da parte della Regione che era giunto solamente nei mesi scorsi, era arrivata la convenzione dell’Asl con la struttura per disabili gravi “Suor Armanda”.

Il complesso socio sanitario in questione comprende due residenze: la prima, denominata “Adele Zara” può accogliere 120 persone anziane in un edificio composto da quattro nuclei di 30 posti letto, ciascuno suddiviso in 15 stanze.

La seconda struttura, invece, è denominata “Suor Armanda”, e può ospitare 20 persone disabili gravi in un unico nucleo organizzato in 10 camere doppie.

Soddisfatto il Comune di Mira del nuovo servizio e anche il presidente della cooperativa socio culturale Paolo Dalla Bella. «Alla residenza per disabili “Suor Armanda”», spiega Dalla Bella, «abbiamo già parecchi ospiti. Ora attendiamo gli ospiti anziani alla struttura “Adele Zara”».

Ad interessarsi alla vicenda erano stati anche i consiglieri regionali Franco Ferrari, Alberto Semenzato e Bruno Pigozzo. «Il lavoro di squadra fatto in sinergia fra le istituzioni», dice Ferrari, «ha permesso di ottenere un risultato atteso da anni dal territorio e dalle famiglie».

In Riviera del Brenta altre case di riposo sono attive a Dolo e a Stra e ve ne sono in progetto a Pianiga e Camponogara. —

A.Ab..