Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Un centro per l’inserimento dei migranti

Il Comune chiede di trasformare il Cas di Moniego (che ospita 10 rifugiati) in Sprar: «La strada per l’integrazione»

NOALE

Noale dice sì allo Sprar (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati). La giunta comunale della città dei Tempesta ha approvato una delibera per aderire al servizio del Ministero dell’Interno per gestire i progetti di accoglienza.

Da un anno, a Moniego, è aperto un Centro d’accoglienza straordinario (Cas), gestito dalla Cooperativa Il Villaggio Globale e dall’associazione Karibu, che coordina anche le altre del territorio, dove ci sono dieci rifugiati. Per questo, nel doc ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

NOALE

Noale dice sì allo Sprar (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati). La giunta comunale della città dei Tempesta ha approvato una delibera per aderire al servizio del Ministero dell’Interno per gestire i progetti di accoglienza.

Da un anno, a Moniego, è aperto un Centro d’accoglienza straordinario (Cas), gestito dalla Cooperativa Il Villaggio Globale e dall’associazione Karibu, che coordina anche le altre del territorio, dove ci sono dieci rifugiati. Per questo, nel documento approvato è inserita l’ipotesi di convertire il Cas in Sprar per tutti i dieci posti, ampliando l’accoglienza per lo stesso numero, orientandosi su quella per famiglie o di donne con minori.

Per quest’idea, il Comune, Il Villaggio Globale e Karibu inizieranno un dialogo sull’eventuale percorso che potrebbe scaturirne.

«Il progetto è all’inizio», spiega l’assessore al Sociale Gianni Zen, «e va ancora ben definito. C’è ancora molta strada da fare ma questo è il modo giusto per governare l’accoglienza nel territorio e non subirla, facendo fronte a emergenze che talvolta in altri Comuni si sono verificate creando disagi».

E dal municipio fanno sapere che dietro a questa scelta ci sono le certezze provenienti dallo Sprar d’accogliere dei rifugiati già riconosciuti come tali e in numero certo.

«Soprattutto il progetto è sostenibile», continua la sindaca Patrizia Andreotti, «per una corretta accoglienza e integrazione. A beneficio di tutti, ospiti e cittadini. L’adesione attiva anche la clausola di salvaguardia, ossia una condizione dove la Prefettura e il Ministero dell’Interno si orientano a non aprire dei Centri d’accoglienza straordinaria nel Comune aderente allo Sprar. I progetti sono seri, trasparenti, prevedono un percorso d’inserimento. Se adesso il dibattito internazionale è concentrato sulla difficoltà degli Stati europei a condividere in modo equo l’impegno sull’accoglienza di profughi provenienti dal sud del mondo, non si deve dimenticare che, qualunque sia il numero di ospiti da accogliere, sono inviati dalle Prefetture e dal Viminale nei diversi centri».

Il progetto, precisano in municipio, partirà solo in caso di approvazione e finanziamento da parte del Ministero dell’Interno. –