Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Precipita con l’elicottero, muore il pilota

Eros Antoniazzi era a bordo di un piccolo velivolo quando ha perso il controllo sopra l’aviosuperficie “Papere vagabonde” 

MUSILE DI PIAVE. Si schianta con un elicottero biposto dopo un breve volo sui cieli di Caposile, frazione di Musile di Piave. Così è morto ieri sera intorno alle 19 Eros Antoniazzi, 40enne di Motta di Livenza, titolare con le sorelle della omonima ditta di autobus e trasporti della cittadina in provincia di Treviso. Antoniazzi si era da poco alzato in volo dal club di Caposile “Papere Vagabonde” di cui faceva parte. Il piccolo velivolo YoYo, elicottero agile e facile da manovrare, era decoll ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

MUSILE DI PIAVE. Si schianta con un elicottero biposto dopo un breve volo sui cieli di Caposile, frazione di Musile di Piave. Così è morto ieri sera intorno alle 19 Eros Antoniazzi, 40enne di Motta di Livenza, titolare con le sorelle della omonima ditta di autobus e trasporti della cittadina in provincia di Treviso. Antoniazzi si era da poco alzato in volo dal club di Caposile “Papere Vagabonde” di cui faceva parte. Il piccolo velivolo YoYo, elicottero agile e facile da manovrare, era decollato dal campo di volo nella frazione di Musile e il motore è andato improvvisamente su di giri durante una manovra.



L’ultima tragedia che ha coinvolto un unltraleggero risale al 2016 quando ha perso la vita un 77enne di Montebelluna che era partito da Treviso e si era perso nelle nebbie sui cieli di Musile. Nel 2012 era morto anche uno jesolano, Franco Borin assieme a un giovane amico, Simone Conte di Povegliano, dopo un volo sui cieli di Caposile dall’aviosuperficie.

Il presidente e i referenti del club ieri, dopo l’incidente aereo, non hanno voluto commentare e hanno chiesto rispetto e silenzio per la tragedia che ha nuovamente sconvolto il sodalizio. Erano tutti molto legati ad Antoniazzi e hanno voluto chiudere i cancelli dell’aereoclub dopo l’incidente. —