Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Maxi-sequestro di giocattoli illegali in centro a Bibione

Blitz della polizia locale, in vendita 3.500 oggetti tarocchi. Multa di 35 mila euro ai gestori bangladesi

BIBIONE. La Polizia locale di San Michele al Tagliamento ha sequestrato in un negozio di giocattoli del centro di Bibione circa 3.500 giocattoli non conformi alla normativa internazionale. Il blitz  scattato in viale delle Costellazioni, la via commerciale principale della localit turistica rivierasca.

L'operazione, che rientra nel piano di prevenzione e repressione contro il commercio illegale, ha visto il sequestro di 3.467 pezzi di cui 167 di natura penale, 702 per violazioni amministrativ ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

BIBIONE. La Polizia locale di San Michele al Tagliamento ha sequestrato in un negozio di giocattoli del centro di Bibione circa 3.500 giocattoli non conformi alla normativa internazionale. Il blitz  scattato in viale delle Costellazioni, la via commerciale principale della localit turistica rivierasca.

L'operazione, che rientra nel piano di prevenzione e repressione contro il commercio illegale, ha visto il sequestro di 3.467 pezzi di cui 167 di natura penale, 702 per violazioni amministrative e penali e 2.598 di natura amministrativa per un valore complessivo di circa 35 mila euro.

"Il servizio di controllo a un esercizio commerciale tra i più riforniti di Bibione – spiega il comandante del Distretto Veneto Est della Polizia locale, Andrea Gallo - si  protratto per oltre tre ore da parte di 10 agenti e ha comportato un maxi sequestro di merce che non era in regola con varie normative, tutte legate alla tutela del consumatore. Nello specifico sono stati trovati giocattoli senza il marchio CE, altri prodotti privi di informazioni obbligatorie relative al produttore e importatore ed altri giocattoli senza gli estremi del fabbricante".

La ditta titolare del negozio, che ha sede a Treviso ed gestita da cittadini del Bangladesh, dovr pagare sanzioni che vanno dai 1.500 euro ai 25.000 euro mentre saranno condotte ulteriori indagini sui prodotti privi dei dati del fabbricante.