Quotidiani locali

Venezia-Perugia, pareggio (1-1) con rimpianti

Buona prestazione dei ragazzi di mister Inzaghi che vanno a segno con Modolo di testa e vengono raggiunti poco prima dello scadere dai padroni di casa

PERUGIA. Finisce 1-1 la sfida di Perugia. Ma quanti rimpianti per il Venezia, che poco ha sofferto le avanzate biancorosse e sino a sei minuti dalla fine era in vantaggio grazie a una rete di Modolo. Il pareggio per i biancorossi è opera di Buonaiuto, entrato 13’ minuti prima.
 
Inzaghi fa qualche cambio rispetto alle ultime partite e lancia la coppia d’attacco Litteri-Marsura. Parte forte subito forte il Perugia e un tiro di Diamanti al 4’ impegna Audero di piede. Il Venezia prende un po’ di campo e al 16’ Stulac ci prova da fuori ma è centrale. Su azione da calcio d’angolo, il Venezia reclama un fallo di mano in area ma Martinelli lascia correre. Al 31’ si rendono pericolosi gli umbri: cross dalla sinistra di Germoni, Di Carmine in acrobazia mette qualche brivido alla difesa veneziana. Ma gli ospiti vanno vicini alla rete al 44’, con un cross dalla destra di Frey, Marsura di testa sfiora il palo.
 
Il gol arriva al 12’ con il marchio di fabbrica di Modolo, ovvero di testa. Stavolta è Stulac a servirlo da calcio d’angolo. Cresciuto lo sloveno, tutta la squadra ne beneficia e il Perugia è costretto a fare due cambi per rimettere in carreggiata la partita. Al 22’ ci prova Cerri con un tiro a giro, è bravo Audero a mettere in corner. Due minuti dopo, buon cross di Marsura dalla sinistra, Frey appoggia per l’accorrente Falzerano ma la mira è alta. Al 30’. Musticchio mette in mezzo, Di Carmine
anticipa tutti con la nuca ma la sfera è fuori dallo specchio della porta. Quando il Venezia sembra in controllo, una palla sporca arriva sul sinistro di Buonaiuto, che al 40’ trova rasoterra l’angolino più lontano dove Audero non può arrivare. Comunque un buon punto in ottica playoff.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik