Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Barca in difficoltà salvata dalla Finanza

CAORLE. Attimi di grande paura si sono vissuti domenica scorsa. Disavventura a lieto fine per tre persone, marito e moglie e un amico di età compresa tra i 44 e i 46 anni tutti residenti nel comune...

CAORLE. Attimi di grande paura si sono vissuti domenica scorsa. Disavventura a lieto fine per tre persone, marito e moglie e un amico di età compresa tra i 44 e i 46 anni tutti residenti nel comune di Teglio Veneto, che a bordo di una barca a motore di sette metri si sono trovati in balia delle onde alte due metri generate dal forte vento di Scirocco. I tre sono stati messi in salvo dalla sezione marina della Guardia di Finanza, intervenuta in loro aiuto a Porto Santa Margherita.

La barca er ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

CAORLE. Attimi di grande paura si sono vissuti domenica scorsa. Disavventura a lieto fine per tre persone, marito e moglie e un amico di età compresa tra i 44 e i 46 anni tutti residenti nel comune di Teglio Veneto, che a bordo di una barca a motore di sette metri si sono trovati in balia delle onde alte due metri generate dal forte vento di Scirocco. I tre sono stati messi in salvo dalla sezione marina della Guardia di Finanza, intervenuta in loro aiuto a Porto Santa Margherita.

La barca era partita da Venezia e avrebbe dovuto raggiungere nel pomeriggio Marano Lagunare, enclave di lingua veneta in provincia di Udine. Le condizioni del mare al momento della partenza erano ideali, poi lo scirocco ha cominciato a imperversare su tutto il comprensorio Alto Adriatico, creando problemi.

I tre a bordo hanno lanciato immediatamente il segnale di allarme – myday, e la segnalazione è stata raccolta dalla Capitaneria di porto. In quel momento stavano rientrando, dopo un’ispezione in mare, tre finanzieri della sezione operativa navale delle Fiamme Gialle. Gli uomini agli ordini del comandante Giuseppe Cassano sono quindi tornati in mare a bordo della vedetta V633 classe Falco. Da lontano hanno tranquillizzato l’equipaggio della barca a motore, invitandolo a seguirli sulla foce del Livenza. Una manovra non facile per gli spaventati diportisti, perché proprio lo scirocco in questi mesi ha contribuito a formare in quella zona una secca che anche le barche dei pescatori devono assolutamente evitare.

Il natante a motore è stato poi scortato fino al porto peschereccio, attraverso la navigazione del canale Varoggio. I tre diportisti, a parte la grande paura, non hanno rimediato danni fisici.

Si tratta del primo intervento di soccorso in mare, a Caorle, dall’inizio del 2018. Un onere spettato alla sezione operativa navale della Guardia di Finanza sempre pronta a intervenire con efficacia in casi di emergenza come questo. (r.p.)