Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Ciclista ubriaco si scontra con un pullman dell’Atvo

MUSILE. Ciclista ubriaco più di tre volte oltre il limite si scontra con un pullman dell’Atvo: condannato a 6 mesi per guida in stato di ebbrezza. Ad emettere la sentenza, ieri mattina in tribunale a...

MUSILE. Ciclista ubriaco più di tre volte oltre il limite si scontra con un pullman dell’Atvo: condannato a 6 mesi per guida in stato di ebbrezza. Ad emettere la sentenza, ieri mattina in tribunale a Venezia, la giudice monocratica Sara Natto che ha deciso di condannare un senegalese residente a Fossalta di Piave, Adama Sylla, 50 anni, difeso dall’avvocato veneziano Alessandro Doglioni.

L’incidente risale alla serata del 14 ottobre 2014 in piazza Vittoria a Musile di Piave. Il senegalese in ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

MUSILE. Ciclista ubriaco più di tre volte oltre il limite si scontra con un pullman dell’Atvo: condannato a 6 mesi per guida in stato di ebbrezza. Ad emettere la sentenza, ieri mattina in tribunale a Venezia, la giudice monocratica Sara Natto che ha deciso di condannare un senegalese residente a Fossalta di Piave, Adama Sylla, 50 anni, difeso dall’avvocato veneziano Alessandro Doglioni.

L’incidente risale alla serata del 14 ottobre 2014 in piazza Vittoria a Musile di Piave. Il senegalese in bicicletta era finito contro il mezzo dell’azienda di trasporto del Veneto Orientale, a bordo del quale viaggiava in quel momento solamente un passeggero. Il ciclista era stato soccorso dal personale del Suem 118 e subito portato in pronto soccorso per medicare le ferite che aveva riportato finendo a terra. Qui i medici lo avevano sottoposto ai controlli del livello di alcol nel sangue, tenuto conto che il paziente dava evidenti segnali di ubriachezza. Dopo un’ora dall’incidente, il senegalese era risultato avere un valore di 1,77 grammi di alcol per litro di sangue, ovvero più di tre volte rispetto allo 0,50 previsto dal codice della strada. E per questo, al di là delle responsabilità nell’incidente, l’uomo è finito a processo per guida in stato di ebbrezza. Nel corso del procedimento non è stata affrontata la questione della dinamica dello schianto, tenuto conto che l’imputazione era relativa esclusivamente al fatto che il segenalese fosse in bicicletta e pedalasse completamente ubriaco, incapace di governare il proprio mezzo.

Ieri la sentenza pronunciata dalla giudice che ha deciso di condannare il ciclista alla pena di 6 mesi.

Rubina Bon