Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Finita la serie positiva, il Venezia cede al Brescia

Il gol di Caracciolo dello 0-1 a favore del Brescia

Troppa confusione in campo: lombardi in vantaggio, pareggio con Modolo, poi il gol della sconfitta (per gli arancioneroverdi) con Bisoli

VENEZIA. Dopo sei vittorie consecutive allo stadio Penzo, il Venezia è costretto a cedere al Brescia (1-2).

Partita a due velocità. Nel primo tempo squadre abbottonate e due sole conclusioni nello specchio della porta. Al 23’ il Venezia non concretizza una grande occasione maturata da un cross dalla destra per la testa di Litteri, e sulla respinta in area Pinato calcia male, ma il pallone è tolto sulla linea da Somma. Al 34’ il vantaggio dei lombardi grazie a Caracciolo, che sottomisura svett ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

VENEZIA. Dopo sei vittorie consecutive allo stadio Penzo, il Venezia è costretto a cedere al Brescia (1-2).

Partita a due velocità. Nel primo tempo squadre abbottonate e due sole conclusioni nello specchio della porta. Al 23’ il Venezia non concretizza una grande occasione maturata da un cross dalla destra per la testa di Litteri, e sulla respinta in area Pinato calcia male, ma il pallone è tolto sulla linea da Somma. Al 34’ il vantaggio dei lombardi grazie a Caracciolo, che sottomisura svetta su Modolo e di testa incrocia in rete un suggerimento dalla destra di Spalek.

Geijo in azione

La ripresa è decisamente più scoppiettante. Inzaghi inserisce Fabiano per Bruscagin, e il Venezia si fa più pericoloso dalle parti di Minelli, ma rischia anche spesso di sbilanciarsi. Prima Falzerano e poi Litteri sfiorano il gol, e il pareggio arancioneroverde arriva al 20’ grazie a Modolo che, di coscia, devia a porta vuota la sponda di testa di Geijo. Neppure due giri di lancette e il Brescia è di nuovo avanti: punizione di Furlan e Bisoli colpisce di testa in corsa, mettendo il pallone nell’angolino basso dove Vicario non può arrivarci. La pressione del Venezia aumenta ma c’è troppa confusione, e così Minelli si salva sempre su Fabiano e Litteri e, quando non ci arriva, Somma salva ancora sulla linea un colpo di testa di Geijo.

Al Venezia non bastano neppure 5’ di recupero e un Modolo spostato in attacco. E i lombardi vendicano con lo stesso risultato la sconfitta subita in casa all’andata.