Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Arrivano i vigili, ingoia ovuli di cocaina

Spacciatore nigeriano portato all'Ospedale dell'Angelo di Mestre. Denunciato

MESTRE. Pusher nigeriano colto in flagranza in via Monte San Michele dalla Polizia locale. Verso le 11.40 di ieri, lunedì, il  personale del Nucleo Operativo della Polizia Locale è intervenuto all'African Market, nel sottoportico di via Trento a Mestre, in quanto all'interno della struttura commerciale era stata notata la presenza di alcune persone di etnia africana note perché spacciatori.

L'African market di via Monte San Michele ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

MESTRE. Pusher nigeriano colto in flagranza in via Monte San Michele dalla Polizia locale. Verso le 11.40 di ieri, lunedì, il  personale del Nucleo Operativo della Polizia Locale è intervenuto all'African Market, nel sottoportico di via Trento a Mestre, in quanto all'interno della struttura commerciale era stata notata la presenza di alcune persone di etnia africana note perché spacciatori.

L'African market di via Monte San Michele

Dentro la struttura, infatti, gli agenti hanno accertato la presenza di un nigeriano ventiduenne senza fissa dimora già denunciato nei mesi scorsi per reati legati alle sostanze stupefacenti. Il giovane, alla vista dei vigili, ha iniziato a deglutire con particolare enfasi; i pubblici ufficiali hanno cercato di impedirgli di ingurgitare quanto teneva in bocca, e dopo una breve collutazione sono riusciti a fargli espellere un involucro di eroina.    Il nigeriano ha quindi confessato di aver ingerito un paio di ovuli di cocaina: e quindi, per tutelarne l'incolumità,  è stato così accompagnato presso l'Ospedale dell'Angelo di Mestre per permettergli di espellerli in sicurezza. Qui il giovane è stato sottoposto a una Tac addominale che ha confermato la presenza all'interno dello stomaco di due involucri estranei.  

Il ventiduenne africano è stato quindi deferito all'Autorità giudiziaria per detenzione ai fini di spaccio e resistenza a pubblico ufficiale.