Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Un torneo per ricordare Pinzin

Portogruaro. Commozione per la scomparsa dell’allenatore. Oggi il funerale

PORTOGRUARO. Un torneo, oppure un camp estivo giovanile di carattere interregionale per ricordare la sua nobile figura. Si avanzano proposte per Sergio Armando Pinzin, il dirigente sportivo della Liventina di Motta di Livenza, e allenatore di calcio giovanile, venuto a mancare, a 52 anni, la notte tra domenica e lunedì all’ospedale civile di Portogruaro, dove era ricoverato per l’aggravarsi delle sue condizioni di salute.

Pinzin, che abitava a Marina di Lugugnana, il 19 dicembre scorso aveva scoperto di aver contratto un tumore al pancreas che poi si è esteso anche al fegato. La malattia l’ha consumato in modo rapido, ma lui non ha mai smesso di combattere. A Francesco Canella, l’uomo di calcio che lo “inventò” allenatore dopo il ritiro per ripetuti guai fisici, aveva confidato 20 giorni fa che non avrebbe mai mollato, che avrebbe cercato di vincere questa battaglia. Un suo intimo amico, Pierantonio Baruzzo, allenatore alla Liventina di Motta nel settore giovanile, sta raccogliendo le idee per un’iniziativa che ricordi degnamente Pinzin. «È ancora molto presto», ha detto l’allenatore delle giovanili biancoverdi, «Sergio era molto conosciuto e stimato in due regioni, il Veneto e il Friuli. Una delle numerose manifestazioni estive potremmo intitolarla a lui, che amava il mondo del calcio e lo sport era la sua vita».

Commosso il ricordo dell’amministrazione comunale di Portogruaro, la sua città. «Siamo tutti costernati», ha dichiarato l’assessore allo sport, Luigi Geronazzo, «personalmente lo conoscevo perché aveva allenato mio figlio. Era una grande e carismatica figura del mondo sportivo. Era disponibile coi ragazzi che gli confidavano i loro problemi, anche quelli lontani dal campo. Ci mancherà”.

Ieri sera era in programma il rosario, mentre oggi alle 15.30 verranno celebrati i funerali a Lugugnana. (r.p.)