Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

La domotica arriva alla “Dante Alighieri”

Il sistema di controllo a distanza di attivazione del riscaldamento permetterà di risparmiare

CAVARZERE. La domotica arriva nelle scuole di Cavarzere, in particolare alla elementare Dante Alighieri, fresca di ristrutturazione.

Il comune di Cavarzere, infatti, ha ritenuto opportuno, tra gli interventi eseguiti all’interno del plesso scolastico, inserire anche un impianto di domotica, il sistema di controllo a distanza di attivazione delle utenze che, per il momento, riguarderà il riscaldamento.

«In questo modo», spiega il sindaco Henri Tommasi, «ci sarà un abbattimento notevole sia ne ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

CAVARZERE. La domotica arriva nelle scuole di Cavarzere, in particolare alla elementare Dante Alighieri, fresca di ristrutturazione.

Il comune di Cavarzere, infatti, ha ritenuto opportuno, tra gli interventi eseguiti all’interno del plesso scolastico, inserire anche un impianto di domotica, il sistema di controllo a distanza di attivazione delle utenze che, per il momento, riguarderà il riscaldamento.

«In questo modo», spiega il sindaco Henri Tommasi, «ci sarà un abbattimento notevole sia nei costi di consumo che nei costi di manutenzione».

L’impianto di domotica è inserito nel piano di ristrutturazione della “Dante Alighieri” , composto da più palazzine. Attualmente si stanno restaurando due edifici con un intervento che avrà un costo complessivo di 900 mila euro, dei quali 400 mila provengono da un finanziamento del Cipe e la rimanenza dalle casse comunali. Lavori che, secondo le previsioni, dovrebbero essere completati a luglio (le strutture portanti sono già concluse, mentre gli impianti sono ultimati per l’80 per cento), in modo da poterne permettere l’inaugurazione all’inizio del prossimo anno scolastico. Al posto dei tradizionali termosifoni, l’impianto di riscaldamento è sostituito da moderne pompe di calore all’interno di inverter modulari di ultima generazione, che distribuiscono la temperatura degli ambienti con interventi decisi in una centrale dati evitando così di tenere acceso l’impianto di riscaldamento per tutte le ore del giorno e della notte alla stessa gradazione. Insomma niente più interventi sul posto per regolare la temperatura con ovvio abbattimento dei costi di consumo. ma anche della manutenzione stessa. Impianto che, tra l’altro, dispone anche di un modernissimo impianto di filtraggio dell’aria. Degli appositi filtri, infatti, che si trovano all’interno della pompa di calore, hanno il compito di tenere sempre pulita l’aria sopperendo così all’inconveniente di aprire le finestre per fare il cambio di aria dopo le ore di lezione. «Il nostro programma di risparmio», conclude il sindaco Tommasi, «proseguirà dotando tutti gli impianti di illuminazione comunali con delle luci led a basso consumo». (d.z.)