Quotidiani locali

«Papà altruista e sportivo» Borbiago piange Diego

Martedì alle 10.30 si celebreranno i funerali del 40enne stroncato dalla malattia Domani alle 18 nella chiesa di Zelarino, amici e conoscenti reciteranno il rosario 

BORBIAGO. Un paese intero a Borbiago di Mira è rimasto colpito dalla morte di Diego Causin, un papà di 40 anni, residente nella frazione mirese ma originario di Zelarino stroncato da un raro virus alla testa nel giro di 5 mesi.

La notizia della sua morte nei giorni scorsi era sulla bocca di tutti in paese. Un paese che parteciperà in massa ai funerali fissati per martedì prossimo. Commozione e cordoglio sono stati espressi anche dal sindaco, Marco Dori. Diego Causin abitava a Borbiago nel quartiere Aurora, lavorava come riparatore di impianti scientifici e si muoveva con l’auto aziendale in tutto il veneziano e anche fuori provincia. Era attivo in paese per la sua adesione ai gruppi di controllo del vicinato e la sua passione per la montagna. Era attivo anche tra i gruppi di radioamatori di Mira. «Diego» spiega Alberto Barban, un amico di famiglia, «era una persona davvero in gamba. È stato uno tra i primi a pensare ai gruppi di vicinato a Borbiago. Nonostante la malattia è sempre rimasto vicino fino a che ha potuto alle figlie Astrid ed Anna e alla moglie Isabella. Saremo in tantissimi a dargli l’ultimo saluto in chiesa».

Le bimbe piccole Astrid ed Anna frequentano l’asilo e anche nella realtà scolastica della frazione mirese Diego era conosciutissimo per essere una persona attiva e piena di idee. «Diego» continua l’amico Barban, «era un grande amante della montagna dove si recava spesso quando poteva per fare trekking e arrampicate ad alta quota». La malattia ha fatto i suoi primi esordi verso ottobre, quando Diego ha cominciato ad accusare i primi disturbi come la mancanza di concentrazione. Gli esami specifici hanno dato via via un quadro clinico sempre più preoccupante. In cura nel distretto di Dolo- Mirano nell’ultimo mese era stato portato all’hospice mestrino “Casa Nazareth”.

Un rosario in suo ricordo sarrà celebrato domani (lunedì) alle 18 nella chiesa di Zelarino, mentre i funerali si terranno nella chiesa Santuario di Borbiago il 6 marzo alle 10.30. Il rapido incedere della malattia non ha permesso di accertarne con precisione le cause scatenanti, esami e approfondimenti però potrebbero essere eseguiti in queste ore, anche se è accertato che non si tratta di un caso che comporti azioni sanitarie di rilevanza pubblica. «Tutta la comunità mirese» spiega il sindaco Marco Dori, «è affranta per la morte di questo giovane

uomo. Siamo vicini alla famiglia in questo momento di lutto». Diego Causin lascia oltre alla moglie e alle figlie, la mamma Gabriella, la sorella Susy, la zia Maria, i suoceri Giorgio e Margherita, il cognato Alberto, la cognata Elena e i tanti amici.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro