Quotidiani locali

Inquinamento acustico in pieno centro

San Donà. I dati Arpav confermano i disagi lamentati dai residenti in via Jesolo e via Eraclea

SAN DONÀ. Inquinamento acustico oltre i limiti, i dati Arpav confermano i disagi di via Jesolo e via Eraclea. La petizione presentata in Comune non è ancora stata affrontata, ma le opposizioni incalzano. Scegli Civica, con Anna Maria Babbo, analizza uno dei temi forti della sua azione amministrativa, a fianco dei cittadini delle due strade penalizzate dalla viabilità seguita alla chiusura di piazza Indipendenza e corso Trentin con la nuova pedonalizzazione.

«Per il confronto si considerano solo i valori estrapolati alla posizione antistante il civico di via Jesolo 13», spiega Babbo, «ciò in quanto la posizione in cui è stato eseguito il monitoraggio è ad altezza superiore a 4 metri dal suolo e pertanto non conforme ai fini della verifica dei limiti di legge. Nella settimana di osservazione dal 12 al 19 ottobre 2017, la media settimanale diurna è al limite applicabile dei 65 decibel, valore misurato 65,6, ovvero +0,6 rispetto al limite massimo. Nell’esame notturno, con limite applicabile 55 decibel, il valore misurato è 55,6, + 0,6 rispetto al limite massimo. Secondo Arpav, il valore del livello stradale sonoro generato dall’infrastruttura stradale è risultato numericamente superiore al limite. Ecco perché si ritiene opportuna l’adozione di misure di mitigazione, in modo da garantire con certezza il rispetto del limite, e l’Arpav lo ha evidenziato».

«In particolare», precisa Babbo, «i limiti dei 65 decibel diurni vengono superati alle 7 (decibel 67,7, +2,7 rispetto alla norma), alle 12, con decibel 70,1 e alle 15, con decibel 71,1. I limiti dei 55 decibel notturni vengono superati alle 22 con 57 decibel, alle 23 con 56,5 decibel, alle 5 del mattino con 59,5 decibel. In via Eraclea, la settimana di osservazione 16– 23 novembre 2017 vede il settimanale diurno a decibel 67,7 (+2,7 rispetto al limite massimo diurno consentito che è di 65 decibel). Il settimanale notturno è a decibel 60,4 (+ 5,4 rispetto al limite massimo notturno consentito che è di 55 decibel). E secondo Arpav, il valor del livello sonoro generato dall’infrastruttura stradale è risultato ancora superiore al limite, sempre con la necessità di misure di mitigazione, in modo da garantire con certezza il rispetto

del limite. In entrambe le strade», conclude, «la situazione è seria per l’inquinamento acustico, come atmosferico».

Nei giorni scorsi il comitato delle due strade ha preso posizione con Graziella Marin che ha invocato un intervento dell’amministrazione. (g.ca.)

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro