Quotidiani locali

portogruaro 

I monitoraggi sul campanile pericolante

PORTOGRUARO. Non sono previsti fenomeni per cui sia necessario un intervento immediato, e questo fa tirare un bel sospiro di sollievo. C’era attesa per il responso dell’atteso vertice in Prefettura a...

PORTOGRUARO. Non sono previsti fenomeni per cui sia necessario un intervento immediato, e questo fa tirare un bel sospiro di sollievo. C’era attesa per il responso dell’atteso vertice in Prefettura a Venezia, sullo stato di inclinazione della Torre campanaria, convocato a Venezia dopo la notizia del consistente finanziamento del Mibact al Comune, 4.200.000 euro che dovranno essere spesi da qui ai prossimi anni per garantire la stabilità del campanile, soprattutto nel caso di eventi sismici.

Sarà il Ministero stesso a indicare le modalità di gestione del denaro e poi da lì ognuno dovrà garantire il proprio apporto per raggiungere l’obiettivo principale: la salvaguardia della torre. I monitoraggi a fibra ottica condotti dall’Università di Trento si concluderanno alla fine di aprile. Al vertice hanno preso parte il prefetto Boffi, il capo di gabinetto Manno, l’assessore regionale alla cultura Corrazzari, la sindaca Senatore, il dirigente della Soprintendenza Alberti e anche esponenti della Chiesa. C’erano il nuovo parroco di Sant’Andrea, Apostolo Grillo, il vicario del vescovo Marson, il funzionario tecnico del comando

metropolitano dei vigili del fuoco Muneretto, nonché i tecnici Modena e De Biasi dell’università di Trento. Il gruppo di lavoro ha confermato che seguirà un nuovo vertice, al termine del monitoraggio, presumibilmente dopo il 1° maggio o se necessario anche prima. (r.p.)

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro