Quotidiani locali

Via Piave, giovani circondati e pestati dagli spacciatori

Circondati e minacciati dagli spacciatori. La scorsa notte un 26enne di Mirano ha chiamato il 113 dicendo di essere stato aggredito insieme ad un paio di amici, da quattro africani. Di fronte ai...

Circondati e minacciati dagli spacciatori. La scorsa notte un 26enne di Mirano ha chiamato il 113 dicendo di essere stato aggredito insieme ad un paio di amici, da quattro africani. Di fronte ai poliziotti il giovane ha spiegato che stava camminando dalle parte di via Piave, insieme ai suoi due amici. Nel dettaglio poco dopo aver parcheggiato l’auto i tre - stando al racconto del ragazzo - sono stati avvicinati e aggrediti da un gruppetto di quattro africani, presumibilmente nigeriani, che hanno cominciato a strattonarli e ha chiedere loro di dargli i soldi. Una circostanza che ora dovrà essere chiarita dalle indagini della polizia. Ad un certo punto, sempre stando alla ricostruzione del ragazzo, uno dei tre malintenzionati ha sottratto la bottiglia di birra del ragazzo e gliel’ha data in testa, poi non essendo riuscito a romperla sulla testa del giovane, l’ha spaccata per terra e lo ha minacciato puntandogliela al collo. I ragazzi, che si sono visti accerchiati e hanno avuto paura per la loro incolumità, si sono dati alla fuga. Un paio sono scappati nella stessa direzione, il terzo invece è caduto a terra ed è stato bloccato e poi sbattuto al muro. I tre aggressori gli hanno frugato nelle tasche e gli hanno sottratto il cellulare ed il portafoglio. Quando gli aggressori si sono accorti che il cellulare aveva lo schermo rotto ed il portafoglio era vuoto, hanno mollato la presa. Il ragazzo ha avuto allora la prontezza di recuperare il proprio cellulare, strappandolo dalle mani di uno degli aggressori e di darsi alla fuga in direzione della casa dei nonni, poco distante nella zona. Da lì ha potuto avvisare gli amici che stava bene. Gli altri due ramici intanto erano stati raggiunti dai poliziotti della volante, con i quali stavano perlustrando la

zona in cerca dell’amico e dei malfattori. La denuncia per rapina aggravata in concorso è stata raccolta dai poliziotti direttamente in via Piave. La polizia dovrà cercare di capire se l’aggressione dei tre sia stata immotivata o scaturita per altri motivi. (f.fur.)



TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro