Quotidiani locali

Raccolta differenziata, vince S. Maria di Sala

Superata quota 80%. Ma la media dei Comuni del Miranese si attesta su cifre alte, attorno al 77%

MIRANO. Santa Maria di Sala ha sfondato l’80 per cento di raccolta differenziata nel 2017. Ma, in media, sono ampiamente positivi i risultati di tutti i Comuni del Miranese.

Secondo i dati Veritas, nel 2017 Santa Maria di Sala ha fatto la voce grossa, portando a casa l’80,24 per cento di rifiuto differenziato. Appena dietro ci sono Spinea (79,34) e Scorzè (78,6). I tre applicano il sistema dei contenitori a calotta. Chi ha la percentuale più “bassa” è Mirano ma parliamo del 74,54 per cento. La media del Miranese è di 77,49 per cento, contro il 65,7 per cento dell’area Veritas: quasi 12 punti in più.

A proposito di medie nel comprensorio, l’ultimo triennio è stato leggermente altalenante: 77,43 per cento nel 2015 per salire al 77,63 dell’anno successivo e scendere in quello dopo ma un pochino meglio di 24 mesi prima. Ma stiamo sempre parlando di numeri alti, specie sapendo da dove si è partiti; infatti nel 2012 i numeri erano ben altri e in questi anni, grazie al lavoro si sensibilizzazione e al miglioramento dei cittadini su come differire l’immondizia, si è arrivati a livelli ragguardevoli.

Ancora molto c’è da fare. Ma non si può dimenticare che nel 2012 appena tre Comuni superavano il 70 per cento di differenziata, ossia Martellago (75,10), Salzano (73,59 l’unico ancora porta a porta) e Spinea (70,19). Due si assistavano fra il 60 e il 70, ovvero Santa Maria di Sala (69,34) e Scorzè (65), mentre Mirano (59,39) e Noale (56,41) erano più attardate. Proprio il 2012 ha rappresentato l’anno della svolta, perché dodici mesi dopo si sono visti altri numeri: il Miranese era tutto sopra il 65 per cento, con cinque Comuni sopra il 70 per cento, Mirano l’aveva appena sfiorata (69,5) e Noale più indietro (65,79).

La crescita

si era consolidata nel 2014, quando l’intero comprensorio era sopra il 70 per cento per migliorarsi nel triennio dopo. La prossima sfida sarà superare quota 80 per cento e Santa Maria di Sala, oltre a rafforzarsi, tra pochi mesi potrebbe non essere più sola. Alessandro Ragazzo

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro