Quotidiani locali

la protesta del partito democratico 

«Usl 3, aumentate le liste d’attesa per le case di riposo»

«Nell’area dell’Usl 3 ci sono delle forti disomogeneità con liste d’attesa per gli anziani che vogliono fruire di strutture residenziali, che arrivano anche di 5 o 6 mesi. Le aree che hanno più...

«Nell’area dell’Usl 3 ci sono delle forti disomogeneità con liste d’attesa per gli anziani che vogliono fruire di strutture residenziali, che arrivano anche di 5 o 6 mesi. Le aree che hanno più problemi fra le ex Usl 12 (Venezia - Mestre), l’ex Usl 13 Dolo e Mirano e la ex 14 di Chioggia, sono queste ultime due».

A dirlo sono stati l’altra sera nella sede del Pd di Mestre in piazzale Bainsizza i consiglieri regionali Bruno Pigozzo, Claudio Sinigaglia e Stefano Fracasso in un convegno organizzato dal Partito democratico.

I consiglieri chiedono alla Regione di intervenire per riequilibrare una situazione complessa.

I dati parlano chiaro. Sono 2.197 gli anziani in lista in tutta l’area dell’Usl 3 Serenissima, in attesa di per poter entrare in case di riposo centri diurni e sezioni ad alta protezione per malati di Alzheimer. Nei due distretti dell’ex Usl 12 il numero di richieste fatte per l’ex primo distretto e cioè quello di Venezia centro storico è per 298 persone, per la terraferma 492. Per l’area dell’ex Usl 13 e cioè l’area di Riviera e Miranese che conta una popolazione di 270 mila abitanti, invece, le persone che hanno fatto richiesta di usufruire dei servizi sono 1.191 mentre per la zona di Chioggia Cavarzere e Cona sono 216.

Stesso problema, cioè lunghe liste d’attesa, si riscontra anche nel caso delle disabilità. «I problemi» spiega il consigliere Pigozzo, «sono di due tipi. C’è il problema degli accreditamenti e cioè della possibilità di far accedere alle tante strutture per anziani esistenti al sistema dei convenzionamenti delle Usl e il problema delle impegnative cioè il numero di posti letto che oltre ad essere accreditati, sono anche convenzionati con quote che la Regione dà agli ospedali. Queste sono poche».

Cioè per il Pd le strutture ricettive per anziani non mancano, ma chi entra in tanti casi deve pagare il prezzo pieno. Anche sul sistema degli investimenti sulle strutture le disomogeneità non mancano.

«Gli investimenti negli anni appena trascorsi hanno interessato strutture realizzate nell’area centrale dell’Usl 3 e cioè Venezia e Mestre. Ora gli interventi nei prossimi anni riguarderanno le aree periferiche e cioè Chioggia e Riviera e Miranese«.

Alessandro Abbadir

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro