Quotidiani locali

Morti sulla Triestina, arriva l’Anas

San Stino. Chiesto un semaforo dopo l’incidente costato la vita a Italo Buscato

SAN STINO. Il portogruarese piange i suoi morti per i due incidenti stradali di Lison e San Stino. Mercoledì 28 febbraio a San Stino di Livenza, Anas incontrerà i rappresentanti dei comuni di San Stino e Torre di Mosto per risolvere le gravi carenze di sicurezza agli incroci sul ponte del Livenza; quello dalla sponda sinistra di via Zoccat, teatro degli incidenti in cui hanno perduto la vita domenica Italo Buscato e il 13 novembre Michela Caovilla, e quello sulla sponda destra di via Ponte Tezze, in comune di Torre di Mosto. Intanto ieri mattina a Portogruaro si è svolto l’esame esterno sulle salme dei coniugi Sante Dazzan e Luisa Vianello, morti giovedì scorso a Lison. Sono deceduti entrambi sul colpo. Nessun nulla osta è stato ancora rilasciato per le tre vittime.

Un nuovo semaforo. Tra 8 giorni ci sarà l’atteso incontro programmato per mettere in sicurezza le due intersezioni sul ponte della Triestina, in cui oltre ad Anas parteciperà anche la Città metropolitana di Venezia. Il vertice è stato preceduto da un incontro tra le due amministrazioni comunali di Torre e San Stino. All’ente che gestisce la strada, i due comuni formuleranno la proposta di realizzare un nuovo impianto semaforico all’incrocio di via Ponte Tezze.

Parola alla Procura. La salma di Italo Buscato, trasferita ancora domenica nella cella mortuaria di San Stino, resta sotto sequestro. Anche i carabinieri stanno attendendo da Pordenone notizie su un’eventuale autopsia. Il 56enne di Pradipozzo, coinvolto nello scontro tra la sua Audi e l’Ape car guidata dal 79enne, rischia l’iscrizione nel registro degli indagati. Sia lui, sia Buscato avrebbero impegnato l’incrocio con il semaforo verde.

Il cordoglio di Cappelletto. Il sindaco ha rivolto alla comunità di San Giorgio di Livenza, frazione di Caorle, il proprio cordoglio per la scomparsa di Italo Buscato. «Lo vedevo spesso anche a La Salute», ricorda, «È venuta a mancare una figura importante».

Sante e Luisa morti insieme. Intanto ieri mattina a Portogruaro il medico legale Antonello Cirnelli ha eseguito l’esame esterno sulle salme di marito e moglie di Concordia deceduti a Lison. In serata

Cirnelli, con l’aiuto del reparto di radiologia dell’ospedale di Portogruaro, ha eseguito una tac Total Body per determinare il numero preciso delle ferite mortali. Domani la procura di Pordenone dovrebbe dare il nulla osta per i funerali della coppia di Concordia. (r.p.)

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro