Quotidiani locali

MORAGLIA in visita A CAVALLINO 

Il Patriarca in Consiglio «Tuteliamo la buona politica»

CAVALLINO. «La buona politica va tutelata come bene comune. È più facile buttarsi nell’antipolitica ma in quella direzione si va solo allo sbando» . Sono le parole del Patriarca Francesco Moraglia...

CAVALLINO. «La buona politica va tutelata come bene comune. È più facile buttarsi nell’antipolitica ma in quella direzione si va solo allo sbando» . Sono le parole del Patriarca Francesco Moraglia pronunciate di fronte a tutto il mondo associativo locale al termine del consiglio comunale che, ieri mattina, ha presenziato con don Alessandro Panzanato e don Daniele Memo nella sala teatro del municipio.

«La politica è un momento di sintesi», ha motivato Moraglia, «in cui la responsabilità degli eletti è quella di gestire problemi con soluzioni più efficaci di quelle che il singolo potrebbe pensare, questo lo sanno coloro che non hanno solo fatto contestazione. Dell’importanza del rapporto e del collegamento col territorio nella politica a livello locale se ne accorge perfino il personaggio cinematografico di don Camillo in una scena in treno dopo aver vinto le elezioni in Parlamento. Il servizio del governo è importante e la decisione lascia sempre in ombra qualcuno in nome del bene comune. Per questo la politica non esaurisce la società di cui le associazioni sono la migliore espressione».

Ed ancora: «Cavallino-Treporti è una comunità viva piena di persone intelligenti e motivate», ha ricordato, «ieri per esempio ho visitato il centro di accoglienza “Airone” di Treporti, incontrando i genitori dei ragazzi disabili ospitati e il presidente dell’associazione Cisiamoanchenoi, Sauro Baldan, che mi hanno comunicato il loro sogno: realizzare una nuova casa di accoglienza per questi ragazzi per quando loro non ci saranno più».

Una collezione di tutti i libri più interessanti degli ultimi anni riguardanti il territorio di Cavallino-Treporti è stato il dono del Comune al Patriarca consegnato dalla sindaca Roberta Nesto. Ma il Patriarca porterà con se di questa visita anche momenti unici come la “scalata” al faro di Cavallino facendo tutti i 340 scalini per arrivare in cima, ospite della Guardia Costiera.

«Nessuno», ha aggiunto, «ha la ricetta giusta per intercettare le coscienze confuse dei ragazzi in crisi per i troppi messaggi e per la mancanza di maestri e di valori».

Oggi la giornata di preghiera inizierà alle 10 con la messa nella chiesa di S. Maria Elisabetta a Cavallino. Alle 14.45 Moraglia sarà in visita alla scuola materna di Ca’Vio, mentre alle 15. 45 farà un passaggio alla casa di riposo di Ca’ Vio per incontrare

il personale sanitario e gli ospiti. Alle 17 celebrerà la messa del malato con l’unzione degli infermi nella chiesa parrocchiale del Sacro Cuore di Gesù a Ca’ Vio per finire alle 20. 45 con l’incontro aperto a tutti nella parrocchia di Ca’ Vio.

Francesco Macaluso

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro