Quotidiani locali

Venezia, poliziotto dona i guanti al senzatetto

Il clochard veneziano si stava riparando dal freddo vicino all'ospedale civile. Era gelato e cercava di scaldarsi le mani: l’agente gli ha regalato il suo paio di manopole d'ordinanza

VENEZIA. E’ vero, non ha sempre un tetto sotto il quale dormire. Ma quei guanti che indossa da qualche giorno lo aiutano a riscaldarsi nelle nottate più fredde.

Certo, perché sono di pelle. Ma soprattutto perché sono un gesto d’affetto che non dimenticherà.

Lui è un senzatetto veneziano, cinquantenne, che la sera ogni tanto trova un po’ di riparo dalle parti del pronto soccorso dell’Ospedale civile. Non disturba, non è molesto e nessuno lo caccia. Molti di quelli che lo conoscono gli vogliano bene, e quando possono lo aiutano con un pasto caldo o un panino.

Lo conoscono anche molti poliziotti, che ogni tanto frequentano il pronto soccorso per andare a “beccarsi” qualcuno rimasto ferito in una rissa, o per sottoporsi a una visita dopo essere stati aggrediti o colpiti.

leggi anche:

mc1

Vogare in laguna: emozione unica

Le foto di Marco Contessa per i lettori della "Nuova" saranno usate anche alla Fiera del turismo in Germania per invogliare i turisti tedeschi a "vivere" il Lido

Così è successo pochi giorni fa. E’ andata così: c’era questo poliziotto che conosce il senzatetto. Stavano parlando, faceva freddo. Il senzatetto aveva molto freddo alle mani. E il poliziotto che ha fatto? Si è sfilato i guanti di pelle e glieli ha regalati: «Tienili tu».

Pare che all’inizio il clochard non volesse, perché gli sembrava troppo. E invece poi va a finire che di fronte a un gesto di generosità ti pare anche brutto rifiutare. E così li ha presi, e li ha indossati. Gli calzano abbastanza bene. Gli tengono caldo, non solo alle mani. (f.fur.)
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon