Quotidiani locali

Vandalismi sul Lusenzo nuovo esposto al sindaco

Chioggia. La protesta dei residenti dopo la distruzione di otto lampioni sulla riva La consigliera Segantin: «L’amministrazione deve intervenire sulla sicurezza»

CHIOGGIA. Nuovo esposto al sindaco e al comando della polizia locale per l’allarme sicurezza sul Lusenzo.

Lo hanno presentato i residenti, che già ne avevano protocollato uno in ottobre, dopo i recenti vandalismi di fine gennaio quando sono stati distrutti otto lampioni sulla riva est. Il documento è stato ripreso anche da un ordine del giorno a firma della consigliera di Chioggiaviva Marcellina Segantin che già aveva portato l’istanza dei residenti in Consiglio ottenendo dall’amministrazione la promessa di interventi di contrasto.

«La risposta deve essere tempestiva», spiega la Segantin, «il Lusenzo è ormai diventato terra di nessuno e i residenti hanno paura anche a rincasare dopo una certa ora. Il 26 e 27 gennaio il raid dei vandali contro i lampioni è stato solo l’ennesimo episodio che ha esasperato i residenti che hanno deciso di procedere con un nuovo esposto, dopo il precedente e la raccolta firme. Chi abita in zona è perplesso e indignato per il fatto di dover transitare a piedi o in bici con timore in una delle zone più belle e suggestive di Chioggia. L’area è costantemente bersagliata da gruppi di vandali e perditempo che si accaniscono contro le infrastrutture. Panchine, cestini, fontanelle e attrezzi sportivi sono in balia dei teppisti. Ma non solo, la pavimentazione è sconnessa, con mattonelle mancanti o divelte, il verde non curato e le erbacce invadono il percorso. Un quadro triste, che diventa preoccupante quando a farne le spese sono i residenti che si trovano i muri imbrattati, che non riescono a riposare, che hanno paura a rincasare». Tutte questioni che erano già state sollevate in un Consiglio comunale di qualche settimana fa quando si discusse dell’interrogazione presentata a fine ottobre dalla consigliera. «L’amministrazione ha concordato sulla necessità di preservare uno dei luoghi più belli della città», spiega la Segantin, «all’interrogazione mi risposero gli assessori ai lavori pubblici, Elga Messina, allo sport Isabella Penzo e anche il vicesindaco Marco Veronese che ha la delega all’ambiente e alla sicurezza, promettendo tutti gli interventi possibili per rendere il contesto più decoroso e più sicuro».

Le cose non sono migliorate e le questioni torneranno in

Consiglio a breve con l’ordine del giorno sulla sicurezza. Nel documento si chiede innanzitutto la sistemazione o la sostituzione degli otto lampioni rotti e, più in generale, interventi per aumentare la vigilanza e prevenire gli atti di vandalismo.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori