Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Ridotte del 26% le emissioni di anidride carbonica

SANTA MARIA DI SALA. Santa Maria di Sala nella lotta per fronteggiare i cambiamenti climatici. In due anni già ridotte del 26% le emissioni di anidride carbonica. Il Comune salese è intervenuto con...

SANTA MARIA DI SALA. Santa Maria di Sala nella lotta per fronteggiare i cambiamenti climatici. In due anni già ridotte del 26% le emissioni di anidride carbonica. Il Comune salese è intervenuto con undici azioni e dodici che attualmente sono in atto per il contrasto ai cambiamenti del clima. Questo grazie al Paes, Piano d’azione per l’energia sostenibile, di cui il comune si dotò ancora nel 2015. Il Piano, approvato dal Consiglio comunale e trasmesso dall’Unione Europea, definisce le strate ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

SANTA MARIA DI SALA. Santa Maria di Sala nella lotta per fronteggiare i cambiamenti climatici. In due anni già ridotte del 26% le emissioni di anidride carbonica. Il Comune salese è intervenuto con undici azioni e dodici che attualmente sono in atto per il contrasto ai cambiamenti del clima. Questo grazie al Paes, Piano d’azione per l’energia sostenibile, di cui il comune si dotò ancora nel 2015. Il Piano, approvato dal Consiglio comunale e trasmesso dall’Unione Europea, definisce le strategie, gli obiettivi e le azioni concrete per ridurre le emissioni di anidride carbonica nel territorio. Sono 38 le azioni che saranno realizzate, fa sapere l’amministrazione e che porteranno a un risparmio energetico di 10 mila e 700 MWh/l’anno, oltre a evitare l’immissione in atmosfera di poco meno di 5. 600 tonnellate di CO2 l’anno. Sette gli ambiti di intervento individuati dal Paes, che gode di incentivi europei: l’edilizia privata residenziale, le fonti di energia rinnovabile, il terziario, la mobilità, l’illuminazione pubblica e le buone pratiche.

«In questi due anni», fa sapere l’assessore all’Ambiente, Stefano Bacchin, «un grande risparmio energetico si è avuto dall’installazione di regolatori del flusso sull’illuminazione pubblica e dalla riqualificazione energetica degli edifici pubblici come municipio, scuole, palestre, con l’ottimizzazione dei sistemi di riscaldamento, coibentazioni, installazione di impianti fotovoltaici, sostituzione di serramenti. Inoltre sono state installate lampade a led, e sostituiti i mezzi del parco auto comunale con auto a metano. L’obiettivo prefissato sarà superato nel 2020 con il 20% della riduzione delle nostre emissioni. Un risultato positivo che ci spinge a continuare su questa strada».

Serenella Bettin