Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

«Aula troppa piccola per 21 ragazzi»

NOALE. Aveva denunciato con una lettera le irregolarità all’interno della scuola elementare di Noale, dove non c’è il certificato di prevenzione incendi, le aule sono sovraffollate e disagi per i...

NOALE. Aveva denunciato con una lettera le irregolarità all’interno della scuola elementare di Noale, dove non c’è il certificato di prevenzione incendi, le aule sono sovraffollate e disagi per i bambini più piccoli. Ma la sindaca Patrizia Andreotti e la dirigente scolastica Francesca Bonazza avevano assicurato come si stiano facendo quegli interventi per mettere tutto in regola e, al momento, anche i sopralluoghi dei pompieri avevano dato garanzie.

Ora la battaglia dell’ex insegnante Flavio ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

NOALE. Aveva denunciato con una lettera le irregolarità all’interno della scuola elementare di Noale, dove non c’è il certificato di prevenzione incendi, le aule sono sovraffollate e disagi per i bambini più piccoli. Ma la sindaca Patrizia Andreotti e la dirigente scolastica Francesca Bonazza avevano assicurato come si stiano facendo quegli interventi per mettere tutto in regola e, al momento, anche i sopralluoghi dei pompieri avevano dato garanzie.

Ora la battaglia dell’ex insegnante Flavio De Gaspari va avanti e nei giorni scorsi ha presentato un esposto indirizzato alla Procura della Repubblica di Venezia, al Servizio di igiene e sanità pubblica di Dolo dell’Asl 3, all’ufficio scolastico provinciale di Venezia, oltre alla polizia locale del Miranese, alle stesse Andreotti e Bonazza. «Intendo evidenziare che ventuno alunni della 5 A della scuola primaria “Vittorino da Feltre” del capoluogo», si legge nel documento, «sono stati sistemati in un’aula che mi risulta avere una superficie di 29 metri quadrati, a fronte di 40 metri quadrati previsti dalla normativa vigente. Chiedo agli organi competenti e responsabili se l’aula è idonea ad accogliere un tal numero di alunni, in conformità della normativa in vigore, e se è adeguata a garantire la sicurezza e il benessere igienico-sanitario a 21 ragazzi di 10/11 anni. A me insegnante, per oltre 40 anni, è sempre stato prescritto il dovere di adottare tutte le misure utili a prevenire ogni situazione di rischio e di danno ai minori a me affidati».

Andreotti prende atto della lettera ma si dice tranquilla. «Posso solo ribadire quanto detto già in passato su questa storia», replica, «ossia l’aver speso 1,6 milioni di euro per gli interventi ai nostri istituti e questa maggioranza sta lavorando in questo senso, anche per ottenere la regola di tutti i certificati».

Alessandro Ragazzo