Quotidiani locali

Lite furiosa negli uffici Veritas, per una maxi-bolletta del gas

Un 54enne ha aggredito un'impiegata e preso a botte la guardia giurata, per una fattura da mille euro

VENEZIA. Riceve una bolletta del gas da Veritas Energia da capogiro (mille euro) e sfoga la sua rabbia gettando a terra il computer di una impiegata Veritas e ingaggiando una colluttazione con una guardia giurata, intervenuta per placarlo.

Protagonista un 54enne veneziano - già conosciuto alle forze dell'ordine - che nel pomeriggio di mercoledì ha fatto irruzione negli uffici Veritas di piazzale Leonardo Da Vinci a Mestre.

In mano, l'ordine di pagare mille euro per l'utilizzo del gas: l'uomo è furioso, sostiene di non abitare più in quella casa da tempo. Così, quando l'impiegata spiega di non poter annullare la bolletta, perché la procedura è diversa - a gestire questo settore è Ascopiave di pieve di Soligo -  l'uomo ha scaricato la sua rabbia, iniziando a inveire contro la donna e gettandole a terra il computer.

un parapiglia. Sul posto si è precipitata la guardia giurata di servizio, per cercare di calmare l'uomo, che

per tutta risposta ha aggredito il vigilante, colpendolo ripetutamente con calci e pugni. Ciononostante, la guardia riusciva ad immobilizzarlo fino all’arrivo degli agenti.

L’uomo è stato denunciato in stato di libertà per danneggiamento aggravato e resistenza a pubblico ufficiale.

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori