Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Dopo 116 anni, chiude la Trattoria da Nicola a San Donà

Il fondatore Nicolò Boschin (secondo a sinistra) in una foto del 1908: è il nonno dell'attuale gestore

SAN DONÀ. Nel lontano 1902 Nicolò Boschin parti da Portogruaro per venire a lavorare a San Donà dove avrebbe aperto uno dei ristoranti più famosi del Triveneto, “da Nicola”. Dopo 116 anni di storia, il ristorante ha chiuso i battenti in via Nazario Sauro e a scrivere la parola fine, non senza sofferenza, è stato ancora Nicolò Boschin, Nicola per gli amici, nipote del fondatore e ristoratore famoso per le sue ricette. Il telefono ha continuato a suonare per settimane: “Nicola hai chiuso davvero? ”. Intere generazioni hanno celebrato a tavola eventi e feste, ritrovi, Natale, Capodanno e Pasqua. Qui si ritrovavano affiatate compagnie per cene o pranzi indimenticabili.

Nicolò Boschin (prima a destra) a una battuta di caccia nel 1920


Arrigo Cipriani, il re dell’Harry’s Bar, ospite una sera del locale non esitò a esclamare: «Complimenti, questa è una cucina con i piedi per terra». Una sintesi dello spirito di questo ristorante e di una cucina semplice e molto radicata alla tradizione, senza sfarzi, ma puntando su qualità e competenza. San Donà saluta l’ultimo vero ristorante, premiato con riconoscimenti importanti, quali il presidio Slow Food, la menzione da anni nel Touring club, nella guida Magnar Ben di Alpe Adria, infine nella guida de la Repubblica che a fine anno ha comunicato l’ingresso nell’olimpo della ristorazione.

Nicolò Boschin e Arrigo Cipriani


«Non è stato facile», dice Nicola alla soglia dei 70 anni, «ma abbiamo deciso di fermarci quando siamo stati al culmine della nostra avventura che ci ha regalato tante soddisfazioni. Alle giovani generazioni lasciamo qualche consiglio in eredità, che è quello di vivere la cucina in prima persona e restare con i piedi per terra, come ci disse Cipriani. È importante capire cosa servire, trovare sempre la cottura giusta e metterci tanta passione perché i sacrifici non mancheranno così come le soddisfazioni».

©RIPRODUZIONE RISERVATA