Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Tg nazionali e stampa a Veternigo

Stupore dei residenti per la “caccia” alla docente dell’elementare

SANTA MARIA DI SALA . Il caso della docente che scriveva scuola con la Q, sciacquone con la C, italiano con due T, che dove doveva mettere le doppie le toglieva, e dove doveva toglierle le metteva, è rimbalzato su tutti i media nazionali. Perché finalmente la grammatica italiana conta qualcosa. E perché, in barba a chi dice che i posti pubblici non siano controllati, una docente è stata licenziata. Per lo meno il caso servirà a insegnare che scuola si scrive con la C e acquazzone con la CQ. ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

SANTA MARIA DI SALA . Il caso della docente che scriveva scuola con la Q, sciacquone con la C, italiano con due T, che dove doveva mettere le doppie le toglieva, e dove doveva toglierle le metteva, è rimbalzato su tutti i media nazionali. Perché finalmente la grammatica italiana conta qualcosa. E perché, in barba a chi dice che i posti pubblici non siano controllati, una docente è stata licenziata. Per lo meno il caso servirà a insegnare che scuola si scrive con la C e acquazzone con la CQ.

Giovedì scorso nella scuola elementare Papa Sarto di Veternigo tanti sono arrivati: reti Mediaset, canali Rai, radio, televisioni da tutta Italia. La notizia è stata ripresa da quotidiani online, cartacei, rimbalzando di qua e di là, anche, tra le fauci della rete. Tutti hanno commentato e le posizioni sono state diverse. Chi ha detto sì, che la docente andava allontanata e chi ha detto no, che il licenziamento non è giusto, che era meglio destinarla ad altre mansioni. . Anche le telecamere di Mattino 5 giovedì sera sono arrivate, andando a caccia dell'insegnante “sgrammaticata”. Ma dopo averla trovata, lì sotto casa, la docente ha inveito verbalmente contro i giornalisti, minacciando di chiamare i carabinieri. E i genitori che ascoltavano i tg nazionali alle 12 si chiedevano. «Ho sentito al Tg5 nominare la scuola di Santa Maria di Sala. Ho sentito bene? È la nostra?». Sì, è la nostra. La nostra scuola, quella con la C. (s.bet.)