Quotidiani locali

martellago. sondaggio di unione civica 

«Non ci sentiamo più sicuri neanche in casa nostra»

La maggioranza delle risposte chiede più telecamere e carabinieri. Trasporti: il 75% si muove solo in auto

MARTELLAGO. Più manutenzione delle strade e dei marciapiedi, aumentare la sicurezza, pochi usano con frequenza il Passante e meno ancora il casello di Martellago-Scorzè: meglio andare a Spinea. È una fetta dello spaccato che emerge dal sondaggio fatto lo scorso anno da Unione Civica (“Alleanza Civica Martellago, Maerne, Olmo”, “Gente Comune”, “Un Comune per tutti”, “Noi con Martellago, Maerne, Olmo”), le forze di opposizione di Martellago, che venerdì sera hanno presentato i dati a Maerne. Replicheranno l’iniziativa il giorno 9 febbraio in sala consigliare. Ebbene, in 586 hanno restituito il questionario e la gran parte risiede nel Comune da più di dieci anni. I più disposti a rispondere sono stati gli abitanti di Olmo, seguiti da Maerne e Martellago. Da qui, nascerà il programma elettorale del gruppo.

Sicurezza. È l’aspetto più discusso. Alla domanda in cosa sia peggiorato il Comune negli ultimi due lustri (si potevano dare tre risposte), il 18% ha parlato proprio di sicurezza, leggermente sopra l’aggravamento delle strade e dei marciapiedi e poi del traffico. «La gente chiede di essere più tranquilla, specie in casa propria», sottolinea Gianfranco Pesce (Alleanza Civica), «e la sera si esce sempre meno, con il rischio di lasciare sguarniti i centri. Servono più forze dell’ordine». Se la videosorveglianza sarà presto in funzione, per Moreno Bernardi si è perso solo tempo: «La maggioranza sta facendo cose che abbiamo richiesto dieci anni fa», attacca, «e, infatti, alla domanda se abbia fatto bene o male, per il 55% è insufficiente». Tra le richieste emerse dal sondaggio, il 30% chiede le telecamere, una maggiore presenza dei carabinieri e l’aumento di vigili.

Trasporti. Ci si sposta soprattutto in auto; il 74,44% usa la macchina, il 22% si muove in autobus, solo il 3,34% va in treno. Si muove soprattutto verso Mestre-Venezia (il 59%), staccate Mirano e Padova. «Chi governerà fra qualche mese», spiega Ennio Zane ( “Noi con Martellago, Maerne, Olmo”) «dovrà lavorare sul trasporto pubblico». Ma quel che balza agli occhi è lo sfruttamento del casello del Passante: lo usa poco meno della metà (49%) e due terzi degli automobilisti preferisce accedervi, o uscire, dalla vicina Spinea: solo questione di vicinanza o di risparmio per chi si muove verso Padova?

Piste ciclabili. Sono usate, eccome. Il 53,48% dice di farlo regolarmente, meno di un terzo lo fa poco, il restante zero. Ma il 77,7% degli interpellati crede che siano insufficienti. Per Claudio Michieletto (Gente Comune) serve un piano: «Manca un piano di mobilità per le due ruote, ma servono

pure opere idrauliche per evitare gli allagamenti».

Cosa va. Dal sondaggio emerge come a Martellago non si viva male. La voce “tranquillità” (quasi il 32%) è la più usata, seguita da aree verdi e, molto distanziate, i negozi.

Alessandro Ragazzo

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon