Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Imposta sulla pubblicità slitta di 2 mesi il pagamento

TORRE DI MOSTO. Slitta dal 31 gennaio al 31 marzo il termine per il pagamento dell’imposta comunale sulla pubblicità a Torre di Mosto. In questi giorni le ditte di Torre di Mosto che effettuano forme...

TORRE DI MOSTO. Slitta dal 31 gennaio al 31 marzo il termine per il pagamento dell’imposta comunale sulla pubblicità a Torre di Mosto. In questi giorni le ditte di Torre di Mosto che effettuano forme di pubblicità stanno iniziando a ricevere gli avvisi di pagamento emessi dalla nuova concessionaria del Comune, l’Abaco. Ma gli utenti non devono preoccuparsi sulle scadenze di pagamento: ci sarà infatti tempo per altri due mesi, fino al 31 marzo.

Da metà dello scorso anno il Comune si è affidato ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

TORRE DI MOSTO. Slitta dal 31 gennaio al 31 marzo il termine per il pagamento dell’imposta comunale sulla pubblicità a Torre di Mosto. In questi giorni le ditte di Torre di Mosto che effettuano forme di pubblicità stanno iniziando a ricevere gli avvisi di pagamento emessi dalla nuova concessionaria del Comune, l’Abaco. Ma gli utenti non devono preoccuparsi sulle scadenze di pagamento: ci sarà infatti tempo per altri due mesi, fino al 31 marzo.

Da metà dello scorso anno il Comune si è affidato a un nuovo concessionario per la riscossione dell’imposta sulla pubblicità e le pubbliche affissioni. L’Abaco è il nuovo gestore, che ha preso il posto della precedente concessionaria Mazal Global Solutions. Proprio il subentro ad anno in corso del nuovo gestore, con le problematiche connesse alla ricostruzione delle banche dati e la predisposizione dei bollettini, è uno dei motivi che ha spinto il Comune a prevedere la proroga. Altrimenti, con la precedente scadenza, l’invio dei bollettini sarebbe dovuto avvenire a ridosso del periodo natalizio. (g.mon.)