Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Già 500 firme alla petizione contro le variazioni stradali

STRA. Oltre 500 firme finora raccolte per contestare la modifica della viabilità decisa dal Comune. Promotrici della petizione sono state Maricla Sartori e Sonia Bettini, consiglieri d’opposizione...

STRA. Oltre 500 firme finora raccolte per contestare la modifica della viabilità decisa dal Comune. Promotrici della petizione sono state Maricla Sartori e Sonia Bettini, consiglieri d’opposizione di “Crescere è futuro”. La giunta ha deciso la chiusura al traffico del tratto di via 4 Novembre dalle chiuse sul Naviglio Brenta in direzione di via XXV Aprile mentre è diventato a senso unico il tratto di Riviera Naviglio, in Comune di Vigonovo, dalle chiuse fino a via Michelangelo.

Scontenti var ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

STRA. Oltre 500 firme finora raccolte per contestare la modifica della viabilità decisa dal Comune. Promotrici della petizione sono state Maricla Sartori e Sonia Bettini, consiglieri d’opposizione di “Crescere è futuro”. La giunta ha deciso la chiusura al traffico del tratto di via 4 Novembre dalle chiuse sul Naviglio Brenta in direzione di via XXV Aprile mentre è diventato a senso unico il tratto di Riviera Naviglio, in Comune di Vigonovo, dalle chiuse fino a via Michelangelo.

Scontenti vari automobilisti che si sono lamentati dell’aumento del traffico in via Roma in particolare tra le 7 alle 8. 30. «Una modifica», dicono Sartori e Bettini, «che peggiorato la viabilità. Prima di fare modifiche così importanti si doveva organizzare una riunione con i cittadini. I firmatari sono molto arrabbiati». La petizione è stata protocollata nei comuni di Stra, Vigonovo, Noventa Padovana e Vigonza. «Speriamo che la sindaca di Stra capisca il grande errore fatto», concludono Sartori e Bettini, «e faccia tornare tutto come prima». (g. pir.)