Quotidiani locali

a domegge 

Padre e figlio precipitano da dieci metri: salvi

DOMEGGE. Scivolano sulla neve e ruzzolano giù per una decina di metri, rimanendo bloccati tra gli alberi. Brutta avventura per due escursionisti di Cavallino-Treporti, padre e figlio, tratti in...

DOMEGGE. Scivolano sulla neve e ruzzolano giù per una decina di metri, rimanendo bloccati tra gli alberi. Brutta avventura per due escursionisti di Cavallino-Treporti, padre e figlio, tratti in salvo dall’elisoccorso. È capitato ieri mattina tra le montagne di Domegge di Cadore, sopra l’Eremo dei Romiti. Erano circa le 11.30, quando è scattata la richiesta di intervento per la presenza di due escursionisti in difficoltà. Si trattava di padre e figlio, rispettivamente di 59 e 30 anni. I due escursionisti di Cavallino-Treporti stavano percorrendo, con le ciaspe, il sentiero che porta al Rifugio Cercenà. All’improvviso, a circa 1.500 metri di altitudine, all’altezza del Col Buffon, i due uomini sono scivolati sulla neve dura. Sono dunque ruzzolati giù lungo il pendio, fermandosi una decina di metri più sotto, tra gli alberi.

Per fortuna nello scivolone sono rimasti sostanzialmente incolumi. Ma erano incapaci di muoversi. Ecco, dunque, la richiesta di aiuto. I due escursionisti sono stati raggiunti in poco tempo da una squadra del Soccorso alpino del Centro Cadore. Dopo averne verificato le buone condizioni, i soccorritori si sono

attivati per il loro recupero, per il quale si è reso necessario l’intervento dell’elicottero del Suem di Pieve di Cadore. I due uomini sono stati così recuperati con un verricello dal tecnico di elisoccorso e quindi riaccompagnati, sani e salvi, fino al fondovalle. (g.mon.)

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon