Quotidiani locali

Suicida sotto il treno disagi per i pendolari

Noale. Mattinata di passione per migliaia di passeggeri sulla Venezia-Bassano Molti ritardi a causa della tragedia avvenuta a Castello di Godego nel Trevigiano

NOALE. Una mattina di passione per migliaia di utenti sulla linea ferroviaria a binario unico Venezia-Bassano. Ieri, a causa di un suicidio avvenuto a Castello di Godego (Treviso), il traffico su rotaia è stato sospeso per mezza mattina, con problemi per chi doveva andare a lavoro e a scuola. Interessati pure gli utenti di mezzo Miranese, visto che la linea tocca le stazioni di Spinea, Maerne, Salzano e Noale. Secondo Trenitalia, tredici convogli regionali sono stati limitati nel percorso e sostituiti con degli autobus sulla tratta Castelfranco-Bassano e viceversa. Di fatto, il servizio è funzionato senza problemi sull’asse Venezia-Castelfranco, mentre per raggiungere il Vicentino serviva più pazienza. Dei treni hanno registrato ritardi fino a trenta minuti, specie in direzione Mestre e Venezia, dove c’è chi ha dovuto studiare un’alternativa per arrivare a destinazione. Per i pendolari era in piena ora di punta, a cui si aggiungono gli spostamenti di chi rimane fuori casa per gran parte della settimana.

Da una prima ricostruzione fatta dagli agenti della polfer di Castelfranco intervenuti sul posto, C. V. , una donna di 43 anni, si è lanciata sotto il treno, forse l’ultimo di domenica da Castelfranco a Bassano. Il suo cadavere stato ritrovato alle 7. 30 del mattino seguente. Separata e senza figli, si sarebbe tolta la vita per depressione. La tragedia si è consumata in un passaggio a livello, in quel momento chiuso, del comune trevigiano e la signora non ha lasciato alcun messaggio per giustificare il suo gesto. Ma ieri, tra l’identificare il corpo e rimuovere la salma, il traffico ferroviario è stato bloccato per oltre due ore. Alle 10, la circolazione è ripresa regolarmente in entrambe le direzioni.

Se tra Castelfranco e Bassano Trenitalia ha puntato sugli autobus, verso Venezia e Mestre si è viaggiato su rotaia come sempre ma quanto avvenuto a Castello di Godego ha impedito a diversi passeggeri di arrivare in orario. Un quarto d’ora di ritardo si è registrato per il regionale 5717 previsto a Santa Lucia alle 9. 04, peggio è andato al convoglio successivo delle 9. 34, arrivato in laguna 25 minuti dopo. Una decina di minuti, 13 per la precisione, è il ritardo subito dal regionale 5721 con arrivo alle 10. 04, mentre dai successivi, i problemi si sono contenuti.

In

questo caso, i disagi sono stati più numerosi, anche perché chi doveva andare verso Bassano, una volta giunto a Castelfranco, veniva fatto scendere e salire su un bus. Da metà mattina, i regionali hanno ripreso ad arrivare e partire da Bassano.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon