Quotidiani locali

Centinaia di amici cantano Ligabue per l’addio ad Andrea

A Salzano i funerali del ragazzo di 21 anni morto nel sonno Le lacrime della fidanzata e l’ultimo saluto della sorella

SALZANO. «Ciao fratellino non dimenticheremo mai il tuo sorriso, la tua grande passione per il basket, sarai sempre con noi». Tra le lacrime Elena Comelato dal pulpito ha salutato il fratello Andrea, trovato senza vita dalla madre lunedì mattina a soli 21 anni.

Grande appassionato di basket, sport che aveva praticato e praticava con il Jolly Santa Maria di Sala, Andrea è stato salutato ieri pomeriggio nella chiesa di San Bartolomeo da centinaia di persone. Il feretro bianco è entrato sulle note della canzone “Ti sento” di Ligabue, intonata dagli amici che fuori avevano steso uno striscione: “Ciao Andre”.

La fidanzata Alice distrutta dal dolore, sul sagrato ha sussurratto alla bara: “Hai visto quanta gente è arrivata per te, Andrea?” e poi è scoppiata in un pianto a dirotto.

«Di fronte alla morte», ha detto il parroco Don Giulio Zanotto, «ci si interroga sul senso della vita. Ci si chiede dove era Gesù quando Andrea è morto. Gesù era accanto a lui. Staremo sempre vicini ad Andrea e alla sua famiglia. Andrea è e sarà un esempio per tutti».

Poi la famiglia. «Abbiamo tanti ricordi insieme che preferisco riservare a me stessa», ha detto Elena, «Fratellino mio, guarda alle persone qua giù, hai lasciato un vuoto enorme. Vieni a dare un abbraccio a mamma e papà, regalaci uno dei tuoi sorrisi. Siamo rimasti in tre ora, ma abbiamo promesso che rimarremo tutti uniti per sempre. Mi ricordo che dicevi che per la pallacanestro ero negata. Mi spiegavi come muovermi, i trucchi del basket che hai sempre amato».

Anche una compagna della Jolly Basket lo ha ricordato: «Sei cresciuto sognando il canestro. Conoscevi i tuoi limiti ma non ti sei mai tirato indietro. Sei caduto tante volte, ma non hai mai mollato, tornando sempre in campo. Ora sono convinta che sei lassù e volerai sopra il ferro del canestro».

La
sorella Elena ha poi letto una lettera commossa del papà Mauro che non se l’è sentita di parlare dal pulpito. Il papà ha ripercorso tutte le tappe della vita del figlio. Andrea Comelato lascia il papà Mauro, la mamma Maria Grazia e la sorella Elena.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon