Quotidiani locali

vigonovo 

Opposizioni unite «Troppe decisioni senza confronto»

VIGONOVO. «Dal 24 luglio la commissione consiliare del territorio non viene convocata e non viene sistematicamente coinvolta su temi di assoluta importanza come elettrodotto, variante dei Tigli,...

VIGONOVO. «Dal 24 luglio la commissione consiliare del territorio non viene convocata e non viene sistematicamente coinvolta su temi di assoluta importanza come elettrodotto, variante dei Tigli, modifica del regolamento Vigonovo 2020». Questa l’accusa lanciata dai rappresentanti dei gruppi di opposizione Lorenzo Zaramella e Alberto Ceccato (Famiglia Futuro Sicurezza), Filippo Fogarin (Vigonovo Sostenibile 2021) e Rossano Moressa (Progetto Comune). «La commissione consiliare del territorio, che esiste da oltre 15 anni, è chiamata ad esprimere pareri e proposte al consiglio comunale in ordine agli strumenti urbanistici da adottare e alla programmazione in tema di lavori pubblici. Riteniamo che dovrebbe essere doveroso un costante confronto con le forze di minoranza sulle tematiche rilevanti dal punto di vista del governo del territorio.

Le opposizioni accusano che la commissione da sei mesi non viene più convocata. «La giunta grillina», proseguono, «pur avendo sbandierato il coinvolgimento di tutte le rappresentanze consiliari nella commissione del territorio, ora sta limitando in maniera ingiustificabile il suo ruolo».

I consiglieri
ricordano alcuni temi “caldi” che riguardano il territorio di Vigonovo che sono il progetto di elettrodotto “Dolo-Camin”, il piano delle opere pubbliche con il nuovo progetto palestra, la variante al piano dei Tigli e la viabilità di via Toniolo.

Giacomo Piran

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori