Quotidiani locali

Sabato un corteo in ricordo dei morti

CONA. I migranti tornano a manifestare. Sabato 13 gennaio alle 10 un corteo di richiedenti asilo e dei sindacati di base Usb partirà da Conetta per arrivare fino a Pegolotte. Questo a un anno dalla...

CONA. I migranti tornano a manifestare. Sabato 13 gennaio alle 10 un corteo di richiedenti asilo e dei sindacati di base Usb partirà da Conetta per arrivare fino a Pegolotte. Questo a un anno dalla scomparsa di Sandrine Bakayoko, la ragazza ivoriana di 25 anni, morta l’anno scorso mentre era in doccia in uno dei bagni del campo base di Conetta. E anche per ricordare Salif Traorè, ivoriano di 35 anni, morto la sera del 15 novembre mentre, in fuga da Conetta, raggiungeva in bici i suoi compagni accampati davanti la chiesa di Codevigo nel padovano. Salif venne investito da un’auto in corsa e per lui non ci fu nulla da fare. Volò giù dalla scarpata, in mezzo al fango, con il cranio fracassato. E un’altra ragazza è morta due settimane fa, il 28 dicembre, anche lei ivoriana, anche lei in doccia, anche lei richiedente asilo, anche lei di soli 22 anni. La protesta di sabato è
per ricordare questi ragazzi, per chiudere il campo di Cona e le “altre discariche umane del Veneto” fanno sapere quelli di Usb e per il rilascio del permesso di soggiorno a tutti i richiedenti asilo. Anche l’anno scorso ci fu un’altra manifestazione per ricordare Sandrine
. (s. bet.)

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori