Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Caccia all'uomo per il furto milionario di gioielli a Palazzo Ducale

Ecco le tecniche usate dagli investigatori per risalire agli autori del clamoroso furto dei preziosi dello Sceicco del Qatar. Ma ci sono pure le contromosse usate dai complici

Venezia, furto di gioielli a Palazzo Ducale

Invisibili come lo sono stati i ladri che hanno colpito e che, alle 10 dell'ultimo giorno della mostra, hanno aperto la teca blindata senza romperla, hanno evitato che l'allarme suonasse al momento dell'apertura, e sono riusciti a ritardarne l'entrata in funzione di alcuni, preziosissimi, secondi.

Quesi secondi che hanno permesso loro di allontanarsi dall ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Venezia, furto di gioielli a Palazzo Ducale

Invisibili come lo sono stati i ladri che hanno colpito e che, alle 10 dell'ultimo giorno della mostra, hanno aperto la teca blindata senza romperla, hanno evitato che l'allarme suonasse al momento dell'apertura, e sono riusciti a ritardarne l'entrata in funzione di alcuni, preziosissimi, secondi.

Quesi secondi che hanno permesso loro di allontanarsi dalla sala con passo normale, e di essere quindi già fuori quando la vigilanza è accorsa e ha chiuso tutte le porte, con i visitatori all'interno.

Quando il personale di sorveglianza si è portato davanti alla teca blindata antifurto l'ha trovata con all'interno solo una collana, un collier in oro e perle che si trovava al centro.

Una mossa che secondo gli esperti sarebbe servita a non far capire subito alla sorveglianza quale era la teca violata e sopratturtto cosa cercare. La teca blindata era collegata alla sala operativa della questura.

La polizia: "Ci sono stati sopralluoghi prima del colpo"

Gli esperti della polizia hanno analizzato i video di sorveglianza vedendo che a forzare la teca sarebbero state due persone, una che ha agito direttamente, e l'altra che la copriva.

Da qui è partita l'indagine. Gli esperti hanno usato la tecnica dei cerchi concentrici, partendo dalle telecamere più interne (quelle sella sala) per poi passare a quelle intermedie (quelle del palazzo) e a quelle esterne (piazza San Marco e le varie calli) per capire i movimenti della coppia.

Di sicuro si tratta di professionisti ben preparati che si sono allontanati immedatamente. Come spesso avviene in questi casi, poi, la banda disponeva di elementi abilissimi nel cancellare le tracce lasciate dai complici.

Una tecnica che viene fatta usando abiti simili per deviare e confondere l'analisi degli spostamenti.

Venezia, la sala del Palazzo Ducale che ospita i gioielli dei Maharaja

Da Londra non è arrivata ancora alcuna reazione ufficiale dalla sede della famiglia Al Thani, proprietaria dei gioielli, ma alcuni ambienti vicini alla società gestita dallo Sceicco del Qatar parlano di "profonda irritazione".

Riproduzione riservata