Quotidiani locali

caorle e bibione 

La sfida dei temerari: nuotata in mare sotto la pioggia

CAORLE. Le temperature non erano così rigide, 8 gradi, ma per la prima volta nella storia i bagni in acqua del 1 gennaio a Caorle e Bibione si sono svolti sotto la pioggia. A Caorle ieri mattina,...

CAORLE. Le temperature non erano così rigide, 8 gradi, ma per la prima volta nella storia i bagni in acqua del 1 gennaio a Caorle e Bibione si sono svolti sotto la pioggia.

A Caorle ieri mattina, poco dopo le 11, si sono dati appuntamento poco più di 40 coraggiosi in gran parte di Caorle. Teatro della nuotata l’inizio della spiaggia di Ponente, sul lungomare della Serenissima. C’era però anche una rappresentanza agguerrita proveniente dalla città austriaca di Salisburgo. Il più piccolo aveva 10 anni, il più “esperto” 67. Molte le donne. A Bibione, un’ora dopo Caorle, c’erano da smaltire le leccornie del cenone cui hanno preso parte 500 persone. Nel tuffo in acqua organizzato dalla Pro loco, c’erano una decina di temerari. Tra questi il vicesindaco Gianni Carrer, il segretario dei Lions Massimo Biasin, e il presidente della
Confcommercio Giuseppe Morsanuto. C’è il dubbio che abbiano accettato il bagno in piazzale Zenith per una scommessa, ma non ci sono le conferme. Caorle e Bibione hanno registrato confortanti presenze anche nelle manifestazioni pomeridiane, attirando migliaia di persone. (r.p.)

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon