Quotidiani locali

Il vagito di Stella tra i botti, 4 minuti dopo la mezzanotte

A Mirano fiocco azzurro con Mike Antonio, di Marghera Festa anche a Dolo per Alisha e a Portogruaro per Marwa

Si chiama Stella e vanta il record di essere la prima nata del 2018 negli ospedali dell’azienda sanitaria Serenissima. È venuta alla luce all’ospedale dell’Angelo di Mestre stabilendo quasi un record: il primo vagito è arrivato 4 minuti esatti dopo lo scoccare della mezzanotte, mentre in aria esplodevano i botti e nelle case si brindava all’arrivo del nuovo anno.

A fare da padrino di eccezione a Stella, il direttore generale Giuseppe Dal Ben che, come da tradizione, per non perdersi il primo nato e congratularsi di persona con i genitori, ha voluto trascorrere negli ospedali dell’Usl 3 il primo giorno dell’anno. Un’occasione a cui il direttore generale tiene in modo particolare anche per porgere di persona gli auguri al personale.

Stella è nata alle 00.04 con parto spontaneo e, al momento della nascita, pesava 2.950 grammi. Non riesce a trattenere l’emozione mamma Stephanie: «È nata come uno splendido regalo mentre esplodevano i botti: un dono grande per l’anno nuovo per la nostra famiglia. Un grazie a tutti qui all’Angelo, dove mi sono trovata e ci siamo trovati benissimo», racconta dal suo letto nel reparto di Ostetricia.

La seconda nata all’Angelo è Elena di Marghera, venuta al mondo con parto naturale alle 2.37. Al momento della nascita pesava 3.765 grammi. L’Usl 3 Serenissima ha registrato il 31 dicembre cinque nascite. A Chioggia, la sera di San Silvestro è nato Christian, con parto naturale alle 23.49: 11 minuti dopo e sarebbe stato il primo del nuovo anno, strappando il primato conquistato invece da Stella. Il piccolo alla nascita ha fatto registrare un peso di 3.360 grammi. A Mestre, Beatrice era venuta alla luce alle 18.47 con i suoi 2.820 grammi, mentre a Venezia Patrick, un bel maschietto romeno di 3.350 grammi, è l’unico nato in laguna tra San Silvestro e Capodanno, con parto cesareo. E poi Tommaso, venuto alla luce alle 19.04 dell’ultimo giorno dell’anno all’ospedale di Dolo, e Linda Azzurra, 3.650 grammi, nata alle 00.19 con il cesareo a Mirano.

Mirano. A Mirano si è chiusa un’annata nella quale sono stati totalizzati 997 parti, a cui vanno aggiunti i 641 di Dolo per un totale, per ragionare secondo il territorio della vecchia Usl 13, di 1.638 bambini. La prima cicogna del 2018 è stata quella di Mike Antonio Zamattio di Marghera, venuto alla luce un’ora dopo la mezzanotte di Capodanno. Mike Antonio va a infoltire una famiglia già numerosa: per papà Fabrizio, operaio specializzato di 52 anni, e mamma Mariù, 42 anni casalinga, si tratta del terzo figlio dopo Cristal di 24 e Kabir di 20. L’ultimogenito sarebbe dovuto venire alla luce mercoledì scorso ma ha ritardato e, con parto naturale, è arrivato il primo giorno del 2018. Alla nascita pesava 2,6 chili. Ieri tutta la famiglia si è trovata in reparto per festeggiare: sono arrivati anche la figlia della primogenita, Evans, la moglie Giorgia e i figli Mathias e Nikolas per il secondogenito. «Siamo tanto felici», dice mamma Mariù, «e ringrazio tutto il reparto di Ostetricia-Ginecologia di Mirano perché il parto è andato bene; qui mi sono sempre trovata bene, i miei figli sono nati in questo ospedale».

Riviera. Si chiama Alisha ed è figlia di una coppia di bengalesi la prima nata del 2018 in Riviera del Brenta, all’ospedale di Dolo. La bimba, figlia di due trentenni in Italia con regolare permesso di soggiorno e che lavorano in due aziende della zona, è nata con parto cesareo all’ospedale di Dolo all’1.16 del 1° gennaio. Alla nascita Aisha pesava poco più di tre chili. I genitori della piccola erano entusiasti della nascita della loro bambina, ma nella loro estrema riservatezza e nel desiderio di tutelare la privacy della famiglia, non hanno voluto farsi fotografare o far fotografare la bambina.

Portogruaro. Hanno preferito partorire a San Vito al Tagliamento anziché nella struttura di Portogruaro che ha riaperto i battenti solo da pochi mesi i genitori del primo nato del Portogruarese. È di una coppia di Portogruaro, infatti, la prima bimba del Portogruarese nata nel 2018. La mamma ha preferito farla nascere in Friuli proprio nel giorno in cui al Punto nascita portogruarese non si era registrato alcun vagito almeno fino alle 19. A San Vito, dunque, è nata una bella bambina di origine marocchina. Si chiama Marwa Bougamazi ed è la secondogenita di mamma Wafa Menghoum e di papà Nabil Bougamazi. La bambina pesava alla nascita 3,390 chilogrammi e ha tantissimi capelli, un dono della natura. La mamma è una commerciante ambulante che abita in centro storico a Portogruaro ed è una presenza fissa anche al mercato portogruarese del giovedì. Il padre della piccola, invece, è cuoco a Venezia. A complimentarsi
con la coppia, ieri c’era un’amica con il suo compagno che hanno accolto con grande gioia questa nascita.

Alessandro Abbadir

Rosario Padovano

Gian Nicola Pittalis

Alessandro Ragazzo

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik